Riscrivere, la suora, il lago

La pensione è piccola. Cinque camere, tutte matrimoniali. La padrona avrà un’ottantina d’anni, deve essere la nonna del ragazzo, ma è sveglia e in salute, si vede da come sale le scale. Il ragazzo ha ventidue anni, è iscritto al secondo anno di Lettere, «ma ancora non ho dato esami» gli ha raccontato mentre faceva colazione. Adesso Sovesci è uscito, sta passeggiando sotto la pioggia. Non ha l’ombrello, solo un berretto di velluto verde, sembra che non gli importi di buscarsi un malanno. S’incanta a guardare la pioggia obliqua che si deposita nel lago diventando lago essa stessa.
Non c’è nessuno in giro in questa domenica uggiosa e triste, ma era questo che voleva. Il pensiero corre ad Arno. Chissà se sta piovendo, lì, dov’è sepolto.

Un estratto del libro “Forse non morirò di giovedì”, che uscirà a gennaio 2021, Golem edizioni.

Sto rileggendo e rivedendo. Dieci-dodici al giorno (ma è di notte che lavoro meglio e di più).
Domani spedisco in casa editrice. Il libro parla di giornalismo, di amori segreti e sognati e di omofobia.
Sempre domani riprendo a scrivere “La suora”, un giallo ambientato nella Vercelli del Covid e del 1945, in Valsesia e sul lago d’Orta, anche.

C’è quasi sempre un lago nei miei libri.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da remo . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su remo

Scrivo, ma in vita mia ho fatto di tutto (mi sono laureato studiando mentre facevo il portiere di notte). Nel 2019 sono usciti: La donna di picche,Fanucci; Il bar delle voci rubate, I nuovi cugini; La donna che parlava con i morti (ristampa), Edizioni Il Vento Antico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...