sigarette costose

Giorni fa.
Entro in tabaccheria, ho finito il tabacco per la pipa. Faccio una miscela: tra un tabacco costoso e uno che invece è a buon mercato.
Davanti a me c’è un ragazzo, che riconosco solo quando si gira.
E’ di nazionalità marocchina, può avere 17, 18 anni.
Ho visto bene cosa ha comperato: un pacchetto di sigarette, le più buone, le più costose.
Perché lo conosco: perché ogni tanto mi chiede una moneta.
Non è insistente. Ed è educato.
Non navigo nell’oro, io.
Sono stato povero, due volte.
Quando mio padre era in cassa integrazione, ed eravamo in cinque (babbo, mamma e tre figli, io, il più grande, facevo le superiori) e quando, a ventotto anni, mi licenziai dalla fabbrica per studiare, facendo lavori saltuari e risparmiando su tutto.
Ho sempre fumato.
Oggi la pipa, allora le sigarette.
Fumavo quelle che costavano meno.
Mio padre e mia madre, fin da piccolo, mi hanno insegnato a risparmiare.
Quel marocchino, invece, non sa o non vuole risparmiare.
Ma non lo conosco bene.
Sono anni che lo vedo, solo, per strada.
Credo che nessuno gli abbia mai insegnato.

 

 

Annunci

Informazioni su remo

scrivo. Ultimi libri pubblicati: Lo scommettitore (Fernandel 2006); La donna che parlava con i morti (Newton Compton 2007, fuori catalogo); Bastardo posto (Perdisa Pop 2010); Vicolo del precipizio (Perdisa Pop 2011); Buio assoluto (Historica, 2015); Vegan. Le città di dio (Tlon, 2016); La notte del santo, Time crime
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...