Pubblicato da: remo | 22 ottobre 2011

Un pianoforte da 18 tasti

Questo blog ha conosciuto giorni migliori. Magari un post al giorno, a volte tanti commenti (specie se si parla di editoria e di invio di manoscritti), tanti visitatori. Seicento, poi quattrocento, poi duecentocinquanta.
Questo blog da 21 mesi circa langue: dal giorno in cui nacque Federico Libero, detto Cico.
Langue perché Federico Libero scandisce la mia giornata, e quindi ho ben poco da raccontare. Quando facciamo colazione, lui pretende di inzuppare il suo biscotte nel mio tè. Poi io vado davanti al pc, per controllare la posta elettronica. Devo essere velocissimo, perché arriva lui, vuole essere preso in braccio, vuole vedere su yuotube o “puto”, che sarebbe poi il cartoon di Pluto, o “catta”, cioé Volta la carta di de André, che lui chiama amichevolemente Dende.
Poi corro, perché son sempre in ritardo, in redazione.
La sera, dopo cena e dopo la passeggiata col cane, Federico Libero o fa un piccolo concerto assordando i vicini – con la mano sinistra picchia i tasti di un piccolo pianoforte con la destra o un tamburo o l’armonica a bocca – o mi chiede di ascoltare musica. Giuro: ci son canzoni come La vecchia fattoria o Bella ciao di cui ho quasi la nausea e che non reggo più.
Quando se ne va a letto, verso le 11, mi restano le mie solite quattro ore, a volte cinque di pausa notturna. Di silenzi interrotti da un treno in lontananza, o dalle urla – che sembrano urla umane – di gatti in calore. Leggo, scrivo (di questi tempi sto scrivendo: racconti noir), rispondo alla posta elettronica, faccio un salto su facebbok e un salto qui, su questo vecchio blog.
Oddio: leggo, scrivo si fa per dire. A volte cazzeggio, perché son troppo stanco e comunque al silenzio della notte, sonno o non sonno, non voglio rinunciare.
A Federico Libero una volta ho detto: Da quando ci sei tu non leggo più e non scrivo più… per la verità ho detto anche una parolaccia, e lui si illumina quando sente una parolaccia, la ripete subito (occa-uttana), e Francesca mi ha tirato il culo (poi quando all’asilo verrà ripreso dalle maestre ti dirà grazie).
Ma va bene così.
Da quando c’è lui m’incazzo di meno.
Quando nacque, per esempio, con la Newton Compton fu rottura: saltò la pubblicazione (che loro avevano annunciato e sbandierato addirittura nel catalogo del quarantennale) di Bastardo posto.
Va bene Perdisa, dissi a Federico Libero, mentre armeggiavamo con un carillon.

Scrivere comporta saper convivere col maldipancia. Si rischia la depressione, si rischia. Io più di tanti, dal momento che son soggetto a periodi bui, dal momento che poi convivo quotidianamente con i casini che comporta l’essere direttore di un giornale (lamentele, scontri, lettere anonime, querele, a volte minacce).

Comunque: sta per uscire Vicolo del precipizio.
Saranno, come sempre, più maldipancia che altro. Fanculo.
Maldipancia attutiti, però, da un piccolo pianoforte con diciotto tasti.


Responses

  1. eh i bambini… meravigliose creature!

  2. Tutti i blog languono, remo, bambini o no. La vita è altrove, forse. Un saluto.

  3. Viva la vita, Remo, e i casini musicali e bandistici di una vita da scrivere, anziché una scrittura a tempo pieno e a vita vuota.
    In gamba,
    luigi

  4. Concordo con Luigi… benedici la tua vita piena, che ti regalerà una scrittura piena di vita.

  5. Ora che i miei due sono diventati troppo grandi per stare in questa casa, cosa darei per averne uno che suona il piano tutto il giorno, oltretutto maturando coi figli ho imparato che la pazienza è una virtù che fa santo ogni uomo.

  6. meglio il mal di pancia da romanzo che da lavoro precario, e poi il tuo pianista di ventun mesi e diciotto tasti detto Cico è il miglior antidepressivo in commercio.

  7. l’ho provato sulla mia pelle, quel maldipancia, cara cristina.
    e so che è sempre in agguato.

  8. Scrivere fa rima con vivere.
    E viceversa.
    Non so quale sia, ma un motivo ci deve essere.
    In ogni caso, ho saputo che Cico va a dire in giro che sarebbe ora di aggiungere una manciata di tasti ai diciotto.

  9. I bambini crescono. E anche gli scrittori.
    gloria

  10. I bambini crescono, lo sappiamo bene. I mal di pancia sono sempre in agguato: sappiamo anche questo. Goditi Cico finchè ti strimpella vicino: non tutti hanno questa seconda opportunità. E’ anche vero che c’è chi non ne ha nemmeno una… e comunque non gli si risparmia il mal di pancia.

  11. “Scrivere riempie la testa di attese matte, che niente basta mai. Credi sempre di arrivare da qualche parte e invece ogni volta ricominci, come gli asini alle ruote dei pozzi. Giri in tondo. Poi la scrittura chiama fatica. E’ un lavoro da contadini, da badilanti”.

    Parole vere, parole sante, dalla biografia romanzata di Salgari, “Disegnare il vento”

    più facile leggere (e forse vivere) che scrivere, caro Remo! goditi tuo figlio!

    Giovanni


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: