Pubblicato da: remo | 28 maggio 2011

paradosso dell’editoria

Ancora Luigi Bernardi, in una vecchia intervista:

Nelle grandi case editrici, nessuno legge un testo se non è passato al vaglio di almeno un paio di “lettori” esterni. Questi lettori esterni sono spesso molto giovani, senza altra esperienza che la propria passione. È l’ultimo paradosso dell’editoria: un testo per essere valutato da chi se ne intende deve prima essere apprezzato da persone alle prime armi, pagate pochissimo, il cui unico interesse è raggranellare una discreta cifretta a fine mese

Annunci

Responses

  1. e i grandi editori sono tutti brutti e cattivi, ecco!

  2. per la cronaca: quando Bernardi rilasciò questa intervista
    http://www.italialibri.net/interviste/0311-3.html
    faceva parte egli stesso della grande editoria, essendo direttore, insieme a Lucarelli, di Einaudi Stile Libero

  3. E’ per questa ragione che in Italia o si ha un agente o non si è nessuno.

  4. E a dirla tutta la cifretta non è neppure discreta. Personalmente la definirei miserrima!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: