ragazzi: educatamente lontani

E’ da più di un’ora che parlo, per l’esattezza un’ora e quaranta minuti. Mi hanno invitato a tenere una lezione sul giornalismo, ho accettato, dico sempre di sì senza mai chiedere soldi. Ho di fronte a me una ventina di ragazzi e ragazze di un istituto professionale religioso; c’è anche la loro insegnante, in fondo all’aula, seduta.
Ha parlato di giornalismo, e i ragazzi mi hanno ascoltato, ho parlato di internet, ho parlato di scrittura. Adesso, dopo un’ora e quaranta minuti, devo parlare di come si fa un giornale.
Cos’è una notizia. Come si scrive un articolo. Il lead. Le 5 W. La titolazione e l’impaginazione. I menabò…
Però mi accorgo, dopo un’ora e quaranta minuti, che questi ragazzi mi ascoltano, sì, e mi hanno pure fatto delle domande, certo, ma sono lontani.
Educatamente lontani.
Dico a me stesso: Vediamo come passare questi 40 minuti, che ho sete, voglia di caffè e di una sigaretta, e poi devo correre al lavoro.
Ho la sensazione che quei ragazzi si sentano delusi da me così come io mi sento deluso da loro.
Domando. Quanti di voi usano internet? Alzano la mano tutti. Quanti di voi sono su Facebook? Quasi tutti.
Quanti di voi hanno letto un libro che non sia un libro di scuola?
Nessuno.
Allora mi siedo. Vedo che quasi quasi si compiacciono nel dirmi “che leggere annoia”, che “tanto non ci sono libri che parlano della nostra vita”.
Li provoco. Dico loro: siete un branco di pecore, vi consolate a vicenda perché nessuno di voi ha letto un libro, ma sappiate che vi state facendo del male.
Affondo ancora di più il coltello.
Dico: Siete destinati a essere dei perdenti.
Parlo di don Milani, della scuola di Barbiana, e loro mi ascoltano.
Dico: Di sicuro non sarò io a convincervi a leggere libri e giornali, ma sappiate, e magari cercate di ricordarvelo, che sarete dei perdenti.
Dico: Ma lo sapete che la televisione vi ha fatto il lavaggio del cervello? Lo sapete che voi avete imparato a parlare un po’ dalla vostra famiglia e un po’ dalla televisione?
C’è una grande attenzione in aula.
MI guardano, vorrebbero dire qualcosa che non sanno dire.
Una ragazzina fa: Me lo dice anche mia madre…
Un’altra, mordicchiandosi le labbra: Lo sappiamo…
Cazzo penso guardandoli negli occhi: questi un libro non l’hanno mai letto ma sanno che affronteranno la vita sapendo di essere dei perdenti. Dei lavoratori interinali se va bene.
Dico loro che la colpa è della mia generazione, non loro.
Cerco insomma di fare un po’ di marcia indietro.
Mi sorridono, alla fine mi regalano anche un applauso.
Prima di andare a fumare una sigaretta bevo un bicchiere d’acqua gassata con la insegnante e la direttrice della scuola, una religiosa giovane e sveglia.
Mi fanno i complimenti.
L’hanno ascoltata con interesse per due ore, mi dicono.
Io però non sono soddisfatto di me.
Quando uno di loro mi avevo chiesto che autore leggere avevo detto, Provate con i racconti di Yates, sono meno noiosi di Pavese e Fenoglio.
Ma va bene anche Moccia, dico…
Ora so dalla direttrice e dell’insegnate che questi ragazzi non hanno una vita facile. E magari non hanno nemmeno i 14 euro necessari per comperarsi un libro.
Ripenso alla domanda-considerazione della ragazzina che mi ha posto almeno dieci quesiti: Ma c’è qualche scrittore che racconta la nostra vita?
No cara ragazza, non credo. Nemmeno io: vorrei ma non so, o so comunque troppo poco di voi.
(Sono stati gentili, comunque con me; m’han detto una bugia, per esempio: che leggeranno).

Annunci

Informazioni su remo

scrivo. Ultimi libri pubblicati: Lo scommettitore (Fernandel 2006); La donna che parlava con i morti (Newton Compton 2007, fuori catalogo); Bastardo posto (Perdisa Pop 2010); Vicolo del precipizio (Perdisa Pop 2011); Buio assoluto (Historica, 2015); Vegan. Le città di dio (Tlon, 2016); La notte del santo, Time crime
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a ragazzi: educatamente lontani

  1. Paola (quella) ha detto:

    Sai Remo, alle volte mi chiedo perchè nessuno di noi riesca a capire che questi ragazzi son figli nostri…
    Tutti a lagnarsi della generazione attuale, della crisi dei valori e a menare simili lamentele. Nessuno dice mai “siamo stati dei beoti affidando i nostri figli alla tv ed alla play station”.

  2. Concordo con Paola… e da insegnante lotto contro la delusione e la frustrazione. Insufflare un sapere in cui forse noi stessi non crediamo, con strumenti che i ragazzi giudicano anacronistici. Tutto sembra loro distante e lontano, ma appena parli di qualcosa che appena risuoni dentro di loro si fanno attentissimi. Un lavoro difficilissimo, sul filo del rasoio.

  3. cristina ha detto:

    Avrei voluto ascoltarla anche io, quella lezione.
    Lo sanno di essere dei perdenti, ma quel che è peggio è che lo accettano come fatto compiuto, come realtà inossidabile: ergo prego la generazione che li ha scodellati, me compresa, di prenderci le nostre responsabilità, per favore.
    Non generalizzerei, però.
    E’ profondamente ingiusto dire che i giovani sono così e gli adulti cosà.
    Ci sono emeriti stronzi e supremi idioti da tutte e due le parti.

    Ci sono ragazzi (e ragazze) che riempiono quaderni su quaderni, ci sono ragazzi (e ragazze) che leggono e amano la cultura, indipendentemente dal mezzo su cui viaggia.
    Non demonizzerei internet e neanche la televisione, così non eleverei al rango supremo la lettura, ci sono libri orrendi. A me ‘sta cosa che un lato della cultura è bene e l’altro è male non convince. So di persone che hanno letto metri e metri di letteratura, eppure mi sembrano così vuote, a grattare un po’ sotto alla buccia di colti intellettuali…

    E poi dai, ci sono insegnanti che sanno rispettare e stimare i loro allievi e tirano fuori da loro il meglio (come hai saputo saggiamente fare tu provocandoli durante la lezione) come ce ne sono altri che piegano la bocca in un’espressione amara, gettano sul selciato i loro giudizi acuminati e bon.

  4. remo ha detto:

    c’è una scuola a vercelli che oroganizza incontri con scrittori, periodicamente. è una scuola professionale (turismo e qualcos’altro, non rammento l’esatta dicitura) con brave insegnanti. ma il terreno lì è fertile: sono comunque ragazze (la maggior parte, o comunque buona parte) cresciute con un libro in mano.
    due anni fa feci una lezione davanti a un centinaio di ragazzi.
    quando chiesi se leggevano alzarono la mano in due, due ragazzine.
    c’è una grossa fetta di ragazzi cresciuti solo ed esclusivamente guardando la tv, senza libri in casa, senza esempi.
    di questi ragazzi si parla poco, anzi quasi niente. la mia constatazione è solo questa.
    sono ignoranti e poco si può fare.
    l’espisodio raccontato in questo post, per esempio: hanno insegnanti che li incitano a leggere, a ribellarsi, ma non è facile, quando nasci in certi ambienti e in certe condizioni non è facile.

  5. Isabella ha detto:

    Consolati Remo.
    Ufficio Stampa di una prestigiosa manifestazione letteraria.
    Stagisti di scuola di giornalismo:
    L’anno scorso qualcuno mi ha chiesto “Chi cazzo è Emilio Salgari?”
    Quest’anno uno mi fa “Tu chen leggi, sai se “Capitani Coraggiosi ” l’ha per caso scritto J.Verne?
    “No, faccio, è di Kipling”.
    Risposta:”ma quanto leggi?”
    E io: Beh, amo solo molto leggere, giornali, libri, da sempre”
    Sempre lo stesso :”Allora dimmi, parlando di Lella Costa, metto che fa l’attrice? E’ un’attrice vero?”
    Forse i tempi sono cambiati, o Remo, eravamo noi ad essere diversi…..

  6. falconier ha detto:

    Sei stato con loro e avresti potuto fare altre cose
    Ti hanno ascoltato con interesse per due ore
    Non sei soddisfatto… è un bene, forse ci andrai ancora da loro, dedicherai altre ore rubandole al tuo lavoro, alla tua passione
    vorrei sperare che uno scrittore che racconta la loro vita potresti essere tu….
    ti leggeranno.

  7. cristina ha detto:

    Hai detto la parolina magica, Remo: l’esempio.
    E certo, hai ragione, per certi ragazzi è tutta salita, ribellarsi con un libro in mano è fatica pura, con una birretta o una canna viene comodo…

    Ne vedo anche io, di ragazze (e ragazzi) dalle menti brillanti e dalle fantastiche possibilità (economiche, sociali, intellettive) buttarsi via davanti ai pomeriggicinque e ai grandi fratelli.
    Ma vedo anche ragazze (e ragazzi) che scolasticamente vanno al minimo sindacale e il motivo è che si annoiano (oppure odiano i prof perché non li stanno a sentire -dicono), ma poi, per conto loro, leggono e scrivono e sopratutto amano la cultura. Amarla al punto di dire: non mi interessa diventare ricca o famosa, voglio solo mantenermi perché nella vita la cosa più bella è conoscere, anche se non rende. E poi vengono rimandati in tre, quattro materie. Ci sarebbe da chiedersi perché, secondo me.

    Ora, se la scuola riuscisse a prendere questi “casi rari” e valorizzarli, forse sarebbero un bel traino per gli altri, i passivi…ma -di solito- li ignora: sono apatici e spenti e fanno scappare la pazienza, con il loro sguardo opaco, educatamente distante.

    Ricordo di aver detto a qualcuno di loro che non è vero, che gli insegnanti sanno distinguere una mente ottusa da una aperta, che sta a loro aver fiducia e muoversi, dire fare: anche incazzarsi, ma essere propositivi. Che premia sempre, rispetto all’apatico assenso senza alcun entusiasmo.
    Lo sguardo si è fatto lucido, ma di lacrime.
    Spesso hanno un potenziale esagerato, solo che non riescono ad esprimerlo.
    Che peccato.

  8. margherita ha detto:

    Intanto, complimenti per aver tenuto l’attenzione per due ore da parte dei ragazzi di un professionale. Non leggono, ma non per questo sono meno esigenti; anzi, sono sospettosi nei confronti dell’esperto che va lì a parlargli di un mondo, quello della cultura, che non possiedono e che snobbano, spesso per difesa.
    Su Moccia, ho avuto una discussione con un amico, molto giovane. Ho scritto un pezzo su Valentina F. il fenomeno culturale delle adolescenti di ora. Lui sostiene che non è vero che leggere queste robe si meglio di niente, che sono responsabili non di rappresentare l’adolescenza, ma in qualche modo di strutturarla. Io sono convinta invece che leggere quello che noi consideriamo sottocultura è comunque meglio che non leggere per niente. Forse è la consapevolezza che viene dall’età e dall’esperienza. Ma sono contenta di saperti d’accordo con me!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...