Pubblicato da: remo | 29 aprile 2011

Eco-pensiero su internet o carta?

E tanto per restare al dilemma lettura su carta lettura in rete sentiamo cosa ne pensa Umberto Eco

Ovviamente sono un utente di Internet, ho ben otto computer nelle varie case dove capito,ma difendo i diritti e il futuro del libro per una ragione semplicissima: abbiamo la prova scientifica che un libro può durare 550 anni. Prendi un incunabolo, lo apri, sembra stampato ieri e ti permette persino la previsione che forse, se lo lasci in un ambiente poco umido, può durare altri 500-1000 anni.
Non abbiamo nessuna prova scientifica che un dischetto, una chiavetta possano durare più di dieci anni, non tanto perché si possono smagnetizzare,ma perché nel frattempo sarà cambiato il tipo di computer. I computer di oggi non leggono più i dischetti di quindici anni fa.

Advertisements

Responses

  1. Beh, insomma…Come abbiamo cura di conservare al meglio i nostri testi, dovremo avere cura di conservare i nostri files. Da tempo non si scrive più sulle pergamene e mi risulta che sia allo studio in molte biblioteche la possibilità di trasferire in formato elettronico i volumi più prezioni, se non altro per averne molte copie e non rischiare che un incendio tipo quello della biblioteca di Alessandria d’Egitto distrucca parte dello scibile e delle tradizioni. Poi pure io sono affezionato ai libri reali, ma una volta lo ero anche alle macchine fotografiche a pellicola. Non possiamo immaginare cosa ci aspetti in futuro, io sono fiducioso che il libro cartaceo resista a lungo e la cosa mi fa piacere. Ben venga però pure la versione elettronica, almeno come “backup”. Se gli e-book reader o i tablet del futuro riusciranno ad aprire nuovi orizzonti introducento anche caratteristiche sensoriali e nuove percezioni attraverso l’e-book, rendendolo altrettanto affascinante, tanto meglio. Soprattutto per i cosiddetti “nativi digitali”.

  2. Parole sante!

  3. Caratteristiche sensoriali?

  4. Nuove percezioni?

  5. confusioni

  6. L’idea della biblioteca universale è molto borgesiana… concordo con Eco.
    E come concittadina di Archimede vi ricordo la sopravvivenza millenaria dei papiri!
    :-)

  7. mi piacciono i libri un po’ ammuffiti,
    invece se uno mette un cd nell’orto non ammuffisce,
    con i cd e i dvd però si possono fare degli spaventapasseri
    che sberluccicano al sol


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: