Pubblicato da: remo | 23 febbraio 2011

la fitta sassaiola dell’ingiuria

Giorni difficili.
Ho sempre amato la canzone di Branduardi (che anni fa mi fece conoscere la poesia di Esenin) Confessioni di un malandrino.
Bello il verso
mi piace che mi grandini sul viso
la fitta sassaiola dell’ingiuria

mica vero, però
(in ogni caso
mi piace spettinato camminare
questo sempre)

Advertisements

Responses

  1. Per tollerare la sassaiola dell’ingiuria bisogna essere sicuri fino in fondo di se stessi. Una delle conquiste piu’ difficili oggi.

  2. Piacerebbe anche a me spettinato camminare, se solo avessi qualche capello in più…

  3. Quoto assolutamente Laura Costantini. Di questi tempi l’ingiuria è divenuto abituale strumento di attacco. Povera patria. Un caro saluto, Annarita.

  4. la sassaiola arriva quando meno te l’aspetti
    e bisogna essere forti per affrontarla
    quando non si riesce a schivarla.
    sempre grande Branduardi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: