Ti ho dato buca, Primo

La tentazione di usare il pc solo per la posta elettronica è forte. Certo, grazie al blog ho conosciuto persone che sono diventate amiche.  Di più: è grazie al blog che approdai alla Newton compton, nel 2007.  Lessero che stavo scrivendo un libro, mentre ero in ferie in Spagna…

Si chiamava Primo. Primo Di Vitto, giornalista. Faceva altro nella vita ma le sua passione era il giornalismo storico-culturale e sportivo. Viveva a Borgosesia, in una frazione. Era un giornalista fuori dal tempo, improponibile, ché oggi i sistemi editoriali viaggiano perlomeno su posta elettronica. Lui niente, resisteva: solo la vecchia macchina da scrivere. L’ho conosciuto cinque anni fa, appunto a Borgosesia. Io, lui e Massimo Novelli passammo una giornata insieme, inseguendo e cercando notizie dal passato su “Lea Schiavi, la donna che sapeva troppo” (titolo del libro che scrisse Novelli). Poi, per due volte, Primo, prendendo l’autobus, venne da Borgosesia a Vercelli, a trovarmi. Si offrì di scrivere pezzi per la pagina di cultura, e io dissi di sì. Credo che Primo sia stato l’ultimo giornalista che mandava per posta ordinaria, ben imbustati, i suoi articoli scritti a mano. Mi piaceva quell’uomo da libro cuore (e in effetti, ho saputo che quando collaborava a Tuttosport gli avevano chiesto di scrivere delle cronache, e non dei resoconti da libro cuore, appunto), semplice, schietto. Poi ci eravamo sentiti per telefono, no, un attimo, era anche successo che lui mi avesse cercato, “C’è il signor Di Vitto in linea” e che io avessi detto: “Digli che lo richiamo”, una frase, questa, che ripeto chissà quante volte ogni giorno, maledicendo il tempo che non basta mai. E comunque. Gli avevo promesso che una sera sarei andato a trovarlo, a Borgosesia. Glielo avevo promesso e me l’ero ripromesso, anche solo pochi giorni fa. Lunedì un mio giornalista bussa alla mia porta. E’ morto Primo Di Vitto, mi dice. Merda. Scusami Primo, ho pensato.

Annunci

4 pensieri su “Ti ho dato buca, Primo

  1. Era un uomo vero, uno dei pochi che ho conosciuto. Quando abbiamo fatto la rievocazione storica del Biundin, alla fine è stato fatto un processo con due giudici: uno accusatore e l’altro che lo difendeva. Lui voleva defenderlo il Biundin ma l’altro si è impuntato e lui controvoglia ha mosso accuse contro Biundin. Ho ancora nelle mente il ricordo della sua voce calda e ruvida, io ero ‘l Biundin ‘. A Rovasenda una sera, Sebastiano Vassalli era venuto a presentare un suo libro, Primo, con Arnaldo Colombo avevano concordato di leggere qualche brano del libro e in attesa del grande scrittore, lui provava le frasi pù adatte, da professionista qual’era. Arriva il grande Vasssalli :” no, no, leggo io ” e la sua voce è rimasta inascoltata. Ma chi l’ha sentita non la potrà dimenticare, grazie Vito.

  2. la Valsesia è lontana da Vercelli.
    che strano posto è questa città, che strana gente ci vive e che storie intense si scoprono, a saperle cercare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...