Una stanchezza, violenta e smisurata di esistere

Essere poeta non è la mia ambizione.
E’ la mia memoria di stare solo.

La solitudine di Pessoa, nei suoi aforismi (quelli chelti da Tabucchi ne “Il poeta è un fingitore”), è la solitudine di altri, penso a Fenoglio, penso alla Wolf, e mi viene in mente una fotografia di Morselli, oppure ripenso ai manoscritti di Achille Giovanni Cagna, quando si sentiva uno scrittore incompreso. Son mille gli esempi, “I mali oscuri”.

Una solitudine voluta, cercata, sentite (leggete) qua, Pessoa:
Ho sempre rifiutato di essere compreso. Essere compreso significa prostituirsi.

E ancora:
Guardo da lontano la vita,
senza mai interrogarla.

Disincanto, fuga dal ballo in maschera della vita?
(La solutidine del poeta, però, può essere la solitudine di tanti: quando Pessoa scrive
Sei solo. Nessuno lo sa. Taci e fingi
non eccede, forse, in una sorta di autocommiserazione?, che tocca tante altre persone che non si sfogano, poi, con un pezzo di carta).

Forse il poeta, il fingitore, è solo colui che sa trovare le parole giuste
Una stanchezza, violenta e smisurata
di esistere…

Ma che nella propria arte trova consolazione:
Essere la stessa cosa in tutti i modi possibili, allo stesso tempo.

La vita e la morte, sempre, a braccetto: c’è quasi un’ansia di morte, nella vita del poeta (forse poco poetico, qui):
Se ti vuoi ammazzare, perché non ti vuoi ammazzare?

L’impennata consolatoria, però, un lampo che illumina:
Solo l’arte è utile. Fedi, eserciti, imperi, atteggiamenti: tutto passa. Solo l’arte resta, per questo l’arte si vede: perché dura.

La solitudine del poeta, dell’artista, o di chi di poesia e di arte si nutre, quindi, è una solitudine meno “dolorosa”?
Siediti al sole. Abdica
e sii re di te stesso.

Un re comunque sempre solo.
La celebrità è un plebeismo. Perciò deve ferire un’anima delicata…

Dice via, Pessoa, dal chiasso. Già.

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da remo . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su remo

scrivo. Ultimi libri pubblicati: Lo scommettitore (Fernandel 2006); La donna che parlava con i morti (Newton Compton 2007, fuori catalogo); Bastardo posto (Perdisa Pop 2010); Vicolo del precipizio (Perdisa Pop 2011); Buio assoluto (Historica, 2015); Vegan. Le città di dio (Tlon, 2016); La notte del santo, Time crime

6 thoughts on “Una stanchezza, violenta e smisurata di esistere

  1. Ho sempre rifiutato di essere compreso. Essere compreso significa prostituirsi.

    La celebrità è un plebeismo. Perciò deve ferire un’anima delicata…

    Ciao Remo, non sono una poetessa, lo sai. Forse per questo, con tutto il rispetto per Pessoa, a me le due frasi riportate in alto sembrano una posa radical-chic. Soprattutto la prima. Io voglio comprendere ed essere compresa. Io voglio condividere idee ed emozioni. Io scrivo per conoscere gli altri e me stessa. La solitudine e’ la condizione in cui nasciamo, viviamo e moriamo. Mi viene da dire che tutta la nostra vita e’ un tentativo di fuga dalla solitudine. Crogiolarvisi dentro e’ come gloriarsi di avere due gambe e due braccia.

  2. Pingback: Notizie dai blog su 554. Una benefattrice: ricordo.

  3. Superba sintesi di flatus vocis.Quando non comprendete,rendiate l’omaggio (innanzitutto a voi stessi)di tacere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...