Pubblicato da: remo | 4 gennaio 2010

Incipit: stavolta dei libri mie

INCIPIT DEI LIBRI PUBBLICATI

Sa di antico il mio piccolo bar: è sotto i vecchi portici, nel cuore di questo paese, proprio vicino alla grande piazza dove si svolgono i comizi, si va al mercato oppure in Municipio, dove gli operai salgono sull’autobus che li porta nella zona industriale e dove la domenica la gente prima va a sentir messa nella maestosa chiesa di Santa Flavia e poi va a comperare i dolci della pasticceria Delrosso. Qui agli inizi del 900 c’era la bottega di un falegname.
(Da “Il quaderno delle voci rubate”, La Sesia, 2002, Vercelli).

Credo di aver premuto talmente tanto i tasti del telecomando da aver rischiato di romperlo. Di sicuro mi sono fatto male alle dita, e alla mano tutta. Da due ore ero davanti alla televisione. Due di notte. Carla mi aveva dato il bacio della buonanotte verso le undici, le bambine un’ora prima. (Da “Dicono di Clelia”, Mursia, 2006, Milano).

L’origine di tutto si perdeva lontano. Scommetto che da qui alla scuola riesco a correre senza respirare. Scommetto che se la mamma me le dà col battipanni io non piango. Scommetto che se il maestro mi guarda cattivo io non abbasso gli occhi. Scommetto che se me lo tocco, poi, quando mi piace tanto tanto, riesco a fermarmi. Scommetto che nessuno ci riesce a fare questo. Scommetto che se ho sete resisto senza bere. Scommetto che se ho mal di pancia non lo dico a nessuno. Scommetto che gli altri non sono così bravi.
(Da “Lo scommettitore”, Fernandel, 2006, Ravenna).

Si parlava poco di lei. Quando se ne parlava i vecchi dicevano, ma solo in certe occasioni, banchetti funebri, domeniche nebbiose trascorse tra amici e parenti a mangiar castagne, dicevano, questi vecchi, che era «come una santa». Santa Nunzia del bosco. O dei castagni. Aveva poco più di vent’anni quando lasciò il Palazzone per andare a vivere come in clausura nel cascinale in fondo alla valle, costruito in una sola estate dai muratori venuti da lontano con muli e cavalli da tiro, in fretta, e un capomastro che urlava, e gente armata su cavalli e mule, a controllare. E di lei per anni e anni si disse, ma si seppe poco. Si seppe, ma si disse poco del suo peccato.
(Da “La donna che parlava con i morti”, Newton Compton, 2007, Roma).

INCIPIT DI LIBRI NON ANCORA USCITI

Sotto i portici, di notte passate le tre, il manichino nudo e senza sesso del negozio d’abbigliamento non si vergogna, come succede di giorno, se qualcuno, per caso, si ferma e lo guarda. È notte, notte di marzo stanotte, piove forte. In questo momento, Paolo Limara, fissando la vetrina del manichino nudo, ha appena incrociato i suoi occhi; non l’ha fatto apposta, non avrebbe voluto, eppure è successo.
(Da “Bastardo posto”).

Torino, luglio. La tazza è quella della sua infanzia, era quella del latte, dei biscotti e di «sbrigati Tiziano, sei sempre l’ultimo, guarda che chiudon la scuola». Sta sorseggiando il suo caffè forte e amaro, è in piedi, quando avrà finito di bere porterà la tazza in cucina, la laverà e la asciugherà con cura, quindi si metterà a rincorrere i ricordi, scrivendo fino all’alba. Anche se non è mancino, la tazza è sorretta con la sinistra; la destra, però, è sotto, per precauzione, metti che caschi. Non è un gesto di sempre: è di stasera. Stasera, per la prima volta ha pensato che quella tazza lo ha seguito, sempre. Fa caldo stanotte, a Torino.
(Da “Di bestemmie e folli amori” o, altro possibile titolo “Vicolo del precipizio”)

e grazie per questa segnalazione sulla raccolta di racconti Tamarri e in particolare su L’Augusto

Annunci

Responses

  1. Tra i tuoi editi aggiungo questo:

    “Allora ho pensato, almeno uno, almeno uno ce l’ha fatta. Uno dei miei ragazzi non si è spappolato il cervello impasticcandosi, non è finito dentro, non è andato a sfracellarsi in motorino, col cervello fuso dalla coca, o dal Tavor mescolato con grappa ai mirtilli fregata al supermercato” (Da: Tamarri, Historica, 2008)

    Grazie, Remo
    P.S. “Vicolo del precipizio” è un titolo che mi piace

  2. Mmm! Belli! Mi sa che è giunta l’ora di leggere qualcosa di tuo che non sia solo il blog. :-)

  3. caro remo, sono un pò invidioso perchè “di bestiemme e folli amori” è un titolo che avrei voluto inventare io

  4. voto “lo scommettitore”. si può? :-)

  5. Il quaderno delle voci rubate
    “La donna che parlava con i morti

    gli altri dovrò leggerli.
    un caro saluto

  6. Poiché non sono uno scrittore, ma uno scrivente, leggo da lettore. Per me l’incipit è il cip per aprire il gioco e proseguire. Quello che mi invoglia di più a giocare, come lettore, è l’incipit di “Bastardo posto”.

    grazie e saluti Remo
    Solimano

  7. Non voto… ma sono incipit bellissimi.
    Ho letto DICONO DI CLELIA, IL QUADERNO DELLE VOCI RUBATE e LA DONNA CHE PARLAVA CON I MORTI… ma mi rifarò leggendo anche gli altri. Bravo Remo, che si muove tra crudo realismo e poesia.

  8. Scommettitore è ottimo.

  9. ‘di bestemmie e di folli amori’ è un bel titolo ma io preferisco ‘vicolo del precipizio’ perchè mi sembra che il primo sia un titolo che ‘strizzi’ l’occhio al lettore.
    naturalmente lo dico da persona che non conosce i fatti, non avendo letto il libro. magari leggendolo si capisce proprio che il titolo perfetto è quello.

    ‘bastardo posto’ mi incuriosisce molto.

  10. E’ vero, c’è anche Tamarri che è bello assai.
    Io ho già scritto su fb, ma avrei preferito qui veh!
    Bisogna che mi ricordi che sei qui e là.
    Ciao remo:)
    Sgnà


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: