Archivi del mese: dicembre 2009

2010

Auguro a tutti un sogno,almeno uno.(lo auguro a quelli con la maiuscola, neli link di questo blog,  persone che ho conosciuto; lo auguro, un sogno, a tutti quelli con la minuscola, che ho conosciuto o qui o su mail o … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 37 commenti

Il libro più bello, letto nel 2009

segue, dal post precedente Anna Maria Curci segnala: La porta di Magda Szabó. Morena Fanti segnala: Revolutionary road, di Richard Yates Annarita segnala: Easter parade, Richard Yates, Minimum Fax, euro 11,50 Kafka sulla spiaggia, Haruki Murakami, Einuadi, euro 20 Sotto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 10 commenti

il miglior libro del 2009

L’ultima eco della prova generale si spense, e gli attori della Compagnia dell’Alloro si ritrovarono senza altro da fare che starsene lì, silenziosi e smarriti, a guardare oltre le luci della ribalta verso una platea deserta, battendo le palpebre; osavano … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 16 commenti

la tenda

Dentro si mangia, fuori si fuma una sigaretta, ma in fretta, ché fa freddo, ci son chiazze ancora di neve. Spesso, le automobili che passano, rallentano, poi si sente il clacson: è un saluto, è come dire “Capiamo, siamo con … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

la gatta Lilli, e i pantaloni taglia 54: la mia vigilia di Natale, cioè

Vigilia di Natale, il primo giorno con attimi di quiete, insomma. Perché sebbene io mi conceda della pause, quando posso scappo, specie dove non mi conosce nessuno (Genova è la tappa preferita), vivo, sostanzialmente, con la sensazione del ritardo: ho, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

Camilleri e gli editori lenti

Gli ultimi libri io non li ho letti, ma di Camilleri ho letto tanto, specie i libri che non hanno come protagonista Montalbano (sarà che una volta ho visto Zingaretti, e non mi è piaciuto:  troppo poliziotto). La mossa del … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 19 commenti

anche questo è natale

Circa un mese fa. Salgo sul treno, mi attendono due ore di viaggio, due, tre ore (ma non era escluso che mi fermassi la notte) in un’altra città, altre due ore di treno per la strada del ritorno. Vado e, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti