Pubblicato da: remo | 3 agosto 2009

aquattromani: 28

DA PADRE IN FIGLIO

Che se potessi chiudendo gli occhi tornare indietro, figlio mio, io vedrei ancora questa campagna come tu non la vedrai mai. Ed è questo che mi fa rabbia. Anche se io ora non la vedo, ho del mio passato un ricordo di qualcosa che tu non potrai mai avere. Adesso che ai padri e ai figli non si danno più le stesse possibilità non si danno nemmeno gli stessi ricordi che bene o male io, mio padre e mio nonno avevamo. Quello che sono la materia stessa dei ricordi: i sapori, i profumi ed i colori che la campagna qui a Mestre aveva.

Io vedo chiaro nei miei ricordi quelle icone che sono rimaste indelebili nella memoria collettiva di anni che non torneranno, come non torneranno neanche i nostri ma che sono convinto che chi li ha vissuti li rimpianga un po’ di più di quanto tu non rimpianga i tuoi, Giovanni.

Vedo ancora tua mamma con i suoi capelli rossi e ondulati. Anche se lei la vedo sempre, ogni momento, soprattutto quando vedo te. I tuoi capelli ed i tuoi occhi sono belli come i suoi.

Vedo la mia bicicletta con il freno davanti rotto e quello dietro allentato che mi costringeva a frenare sempre con le scarpe. Vedo le mie scarpe bucate sul tacco perché consumate. Vedo gli schiaffi di mio padre forti e a mano aperta. Mano da contadino, pesante come una bestemmia in chiesa.

Vedo le chiese sempre aperte, sempre con le stesse persone. Ora che mi concentro vedo anche la signora Antonietta sempre in ginocchio sull’altare della chiesa. E’ stata li per mesi immobile dopo che è morto suo marito e per anni non ha avuto altra vita oltre alla chiesa dove è morta da li a poco.

Vedo la mia prima macchina, era bianca. Mi ricordo, l’ammaccai la prima sera che la presi per uscire con gli amici. Contro un muretto. Mi ricordo che era un graffio da poco, un bollo che neanche si vedeva ma piansi per tutta la notte maledicendo il cielo e me stesso che, per quella macchina, avevo lavorato i campi per un anno intero dopo scuola.

Vedo il mio paese che sembrava non avere paura, nella sua immobilità era tranquillo. Non temeva di stare fermo perché questo in un certo senso lo proteggeva. Mentre il resto d’Italia tremava scosso dalla paura, dalla rabbia e dal fischio delle bombe noi qui stavamo fermi, immobili e zitti. Come se niente stesse succedendo. Permettendoci di vivere tranquilli, come piaceva a noi. I ricordi del mondo sono ricordi in bianco e nero della televisione, ricordo Berlinguer e Moro, ricordo Platinì e Bearzot.

Vedi, Giovanni quello che non ti posso dire di tutto questo è quello che sentivo in quei momenti alla tv. Quello che sentivo guardando tua madre o la mia macchina nuova. Il sapore del pane non te lo posso raccontare, i colori ed i profumi che non puoi neanche immaginare.

Questo è il mio di ricordo, ed ora dimmi tu cosa immagini invece del tuo futuro.
Il mio futuro, papa’? Non so vederlo, mi pare che i miei sogni siano solo enormi fantasie irrealizzabili.

Lavoro al supermercato d’estate e da Aldo alla carrozzeria d’inverno. Solo contratti a termine. O accetti o resti a casa. Sei ore al giorno di lavoro al market a sistemar scatoloni e se ti iscrivi al sindacato mica ti riprendono. Quindi niente tutela, ci si arrangia faticando sei ore al giorno per 900 euro al mese, e si confida nel favore del capo, che è lui che decide se resti o no. Sono un lavoratore a termine e mi pare che anche la mia felicita’ abbia la scadenza impressa sul retro.

C’ho le rate della macchina nuova da pagare, c’ho le rate del mutuo della casa. Cosa vedo nel mio futuro? Un sacco di debiti da pagare. Se Elena non lavorasse pure lei, il mio stipendio non basterebbe. Leggevo l’altro giorno sul giornale che la mia generazione è la prima che non ha un tenore di vita piu’ alto di quello dei padri. Ed è vero, papa’, te la passavi meglio tu. E quando sento i vecchi dire che una volta si stava meglio, do loro ragione. Non sono solo discorsi da nostalgici. No stavolta e’ proprio così.

Lo dice anche Aldo ogni volta che ci ritroviamo al bar a bere: i nostri genitori hanno avuto delle possibilita’ di cambiare la loro vita. Noi, no. Siamo una generazione precaria e di conseguenza la nostra vita è precaria. E pensare che Aldo è padrone di una carrozzeria ma teme di dover chiudere anche lui perchè i soldi non gli bastano. Mai.

Anche il pane, cavoli, il profumo del pane all’olio che mi comperavi quando ero piccolo – te lo ricordi? – adesso non c’è piu’. La spesa la faccio al supermercato dove lavoro, il pane che porto a casa è di produzione industriale. La frutta e la verdura arrivano dalla serra, e non san di niente. Li mangio e mi pare che la mia vita sia insapore. Anche Mestre non è piu’ la stessa. E’ una citta’ adesso e non sta mica ferma. Sembra immobile ma è un continuo movimento, di traffici. Migliaia di camion passano di qui ogni giorno, molti viaggiano pure vuoti perchè conviene. A chi? Non a noi che abitiamo a due passi dalla tangenziale e ci respiriamo ogni giorno le polveri sottili. Ma adesso non abbiamo neanche la possibilita’ di lamentarci. Perchè adesso la tangenziale è mezza vuota visto che hanno costruito un’altra autostrada, ancora piu’ grande che si è mangiata la campagna, quella dove tu andavi a lavorare per comperarti la tua prima macchina. Insomma tra citta’ e campagna oggi si e’ in democrazia, si sta male ovunque.

Mi dici, papa’, di raccontarti il mio futuro. Io vorrei meno asfalto e piu’ campagna, vorrei guardarmi attorno e ritrovare le tracce della mia infanzia, cancellate dalla corsa alle costruzioni. Vorrei lavorare con la possibilita’ di progredire senza umiliarmi, vorrei non esser schiavo dei soldi. Vorrei aver colori e sapori da raccontare a mio figlio.

Vorrei avere ricordi e non solo pensieri.

Annunci

Responses

  1. Mi piace molto.
    Dovrei appartenere all’ultima generazione che ha avuto più di quella precedente. Forse. Se non altro la pace, tuttavia trovo che i giovani partano in molti da dove io neppure immanginavo di poter partire. Possono persino sedersi sullo scalino di casa, a farsi mantenere dai genitori. Io, no. Mai potuto.
    La mia generazione privilegiata non ha tuttavia arruolato me.

    Era una parentesi, uno sfogo.

    Il racconto è molto bello.
    Cedo volentieri all’amarcord.
    E se non a pane e olio, a pane, burro e zucchero.
    C’è anche l’Italia della deindustrializzazione, qui.
    C’è.

  2. Ci manca solo che non ci sono più le mezze stagioni e poi è completo.

  3. bei pensieri ma non mi sembrano un racconto

  4. E’ bello.. però non entra nella classifica postata ieri.
    E’ nostalgico, romantico, in certi punti effettivamente un po’ scontato (sei contenta, Anto??) ma delicato e le due parti (il punto di vista del padre e quello del figlio) si sente che son scritte da due mani differenti… E’ anche giusto cosi’, per “staccare” i due personaggi.
    E’ rude delicatezza nell’esporre cose che tutti sanno e tutti si dicono.

  5. abbastanza buono, concordo con il commento di chi mi precede.

  6. A me non è interessa se non è un racconto tout court, la cifra racconto o novella oggi può essere molto varia.
    E’ ben narrato, per me, anche se un poco faticoso.
    *
    Fatica mentale e scazzo completo, invece, mi crea leggere qui le scemenze di Madame Antò che di sopra ha ripetuto per la milionesima volta la popolarissima frase dei comuni cretini di turno.

    Non si può cancellare ‘sta scemata?

  7. Chi la cancella è un fascista che censura la libertà di espressione

  8. accidenti anto…sei sempre collegata/o? neanche dieci minuti per rispondere a mariobiaco. è estate, non ti fa bene un po’ di mare anche a te?

  9. Il mare mi rende nervosa e no so nuotare quindi non metto a repentaglio la mia sicurezza già minata dagli accidenti di qualcuno e poi qui ci sto di lusso.

  10. E vi invito ancira una volta tutti a commentare i racconti e non me, ignoratemi fregatevene di me. Solo i cretini di turno mettono in discussione le opinioni altrui, caro mariobianco, quindi vedi di moderare i termini visto che non ti ho insultato, grazie. Per le tue capacità mentali mi disp ma non posso fare nulla.

  11. E infine perchè da 27 si è passati a 29??? Il 28 che fine gli avete fatto fare.

  12. grazie antonella, correggo: è il 28

  13. questo racconto-non racconto (come penso insieme a morena) è scritto bene, ma è un po’ valium. il che magari non guasta, visto l’andazzo.

  14. e pensa che ci sono giovani così precari che anche le loro madri sono mamme precarie, per dire.

    bello e amaro .

  15. Sarò sincera, mi ha un po’ ricordato il trio Lopez, Solenghi, Marchesini: “qui un tempo era tutta campagna, non ci sono più le mezze stagioni”.
    Però è uno dei racconti più centrati. Purtroppo la mancanza di futuro garantito per le giovani generazioni è una tragica realtà: costretti a vivere in famiglia alle soglie dei 40 anni.
    Una vergogna.
    Sgnapis

  16. Non sono precaria, ma faccio parte della generazione che più di altre pagherà per gli errori del passato: quella dei quarantenni. Trait d’union tra il passato (generazione boom) e il futuro (generazione precaria).
    Stare in mezzo è un brutto affare. Abbiamo un grosso peso sulle spalle da portare. Da un lato il non far perdere i diritti (mah) acquisiti (arrimah) dai nostri padri. Dall’altro sostenere i nostri figli che non hanno e non avranno nulla.
    In mezzo noi, che poco abbiamo da guadagnare e molto abbiamo da perdere.

    Nonostante si dica che non è un vero e proprio racconto (io direi che sono due monologhi o due soliloqui), è incentrato su problemi gravissimi del nostro tempo.

  17. Costretti povere anime alla loro stanzetta e al bagno tutto per loro, con la mamma sveglia se tornano tardi dalla discoteca. Fino a 40 anni, teneri. Speriamo che mamma sia a sua volta fuori casa, nel localino per single attempata.
    Io su molti precari ho dei grossi dubbi. Grossissimi, ma non è tale il giovane protagonista del racconto. E’ sano, tiene famiglia.
    Valium?
    E che ci vuole, cocaina?
    Spargimento di sangue?
    Farneticanti proclami politici sul Duce prossimo venturo?

  18. Non è tanto per le critiche legittime o meno… ma quanto per le generalizzazioni. Quelle si sono un po’ fastidiose. Di generalizzazioni si è anche parlato nel racconto…l’amo teso per i “boccaloni” che vedono ovvietà in ogni dove era in effetti piuttosto succulento.
    Trovo che generalizzare sia comunque sempre riduttivo, trovo anche che avere un presente migliore di mio padre sia davvero fico ( per dimostrare che sono giovane e un po’ sgrammaticato), mi piacerebbe anche provare ad intravedere un futuro che i miei 600 euro mensili non mi garantiscono e che il mio lavoro(ormai il 4 negli ultimi due anni tra stage gratuiti e lavori sempre pagati molto poco) a tempo determinatissimo mi rende leggermente fosco.
    Peccato non drogarsi, non aver abbandonato l’università e il master e cercare un lavoro migliore sempre con una certa insistenza per non darla vinta a chi dice che in fondo i giovani d’oggi sono un po’ bamboccioni!

  19. I giovani di oggi sono come quelli di sempre; chi è serio e chi no, chi tirato su bene e chi peggio.Che non mi si venga a dire né che sono tutti bamboccioni ma neppure che siano tutte vittime del sistema. In parte sono nati assai privilegiati, viziati, tenuti in palmo di mano finché non si fracassano il muso contro una realtà dura e competitiva che non immaginavano. Sicuramente però NON mi fanno pena.Ho cominciato a lavorare a 21 anni ma pur avendo decenni di servizio sul gobbo non potrò andare in pensione.Giovane. Anch’io. Somari a lavorare e cavalli a casa.

  20. Anche a me non sono i giovani che mi fanno pena…pena me la fa chi li sfrutta e sono tanti. Chi nega loro un futuro a prescindere e che non si chiami competitività. Perchè si sbaglia. Quello di cui parlo io si chiama truffa.Tutto il testo invece è assai vero.Condivido

  21. Non ci sono più i giovani di una volta, signoramia.

    Noi si che eravamo, loro invece.
    Eh, mia cara, noi ce le siamo sudate le cose.
    Loro invece.
    Noi abbiamo fatto.
    Loro invece.

    No, non ci sto. A ‘sto punto -anche se ne ho 47 suonati- mi metto dalla parte dei ragazzi. Che cavolo di mondo cediamo alle generazioni future.
    Quel nuvolame nero che vediamo all’orizzonte non promette niente di buono.

    ps=condivido il pensiero di Giuseppe, lo sto provando sulla pelle dei miei figli.

    Detto questo qualcosa si può fare, a mio modestissimo avviso: smetterla di stare accovacciati dentro al ruolo granitico, vedere di aiutarsi l’un l’altro.
    Non per niente tresette a spizzichino è il racconto che mi è piaciuto di più: erano due generazioni che si son date la mano.

    Così si fa.

  22. […] un frammento con una voce e uno con un’altra, tipo il racconto che c’è oggi da Remo Da padre in figlio, in cui c’è un primo frammento con la voce del apdre e  un secondo con la voce del figlio. […]

  23. centra una grande questione, anche se nello sviluppo è un pò troppo retorico, un pò troppo sentimentale.
    il genere “Amarcord” è sempre in bilico tra il poetico e il patetico

  24. Delicatezza di immagini. Non c’è bisogno di urlare per raccontare. Può non piacere o meno ma la realtà è questa.

  25. Socia Cristina: certo che ci si deve aiutare. Io cederei il mio posto subito, da ieri, se mi lasciassero andare in pensione con 35 anni di servizio, mica sono pochi. Invece io dovrò andare avanti anche trascinando i piedi ed i cavalli a trottare inutilmente in tondo. Vale a maggior ragione per i lavori manuali. Certi pover’uomini che rischiano d’essere segati a metà dall’ernia del disco, durante un’attività artigianale…e certi bestioni muscolosi nullafacenti in giro che l’unica fatica fisica che fanno è il calcetto.
    Un lavoro manuale però è disdicevole.
    “Ciò il diploma, la licenza liceale…”

  26. Bello. C’è il confronto tra passato e presente. Mi piace, come pure mi piace leggere i commenti tra chi giustifica i giovani (ho 46 anni, sono precaria, sono tornata a vivere con mamma, ergo appartengo di diritto alla categoria bamboccioni?) e chi invece li vede come deboli troppo facili alla resa. Penso che essere giovani oggi (ma giovani sul serio, 20 anni o giù di lì), sia immensamente più difficile di quanto lo fosse per la precedente generazione che, per lo meno, aveva ben chiari ruoli e progetti per il futuro.

    I miei preferiti quindi si aggiornano:

    1) Paradiso perduto (la classe operaia non va mai in paradiso, ma si suicida sotto le ruspe del centro commerciale)
    2) Passaggio epocale (una buona fotografia di come siamo oggi)
    3)Miracolo italiano (l’Italia del GF e degli incidenti sul lavoro coniugata con originalità)
    4) Davvero. Nel sogno (il titolo ci azzecca poco, ma il racconto è una telecronaca appassionante)
    5) Da padre in figlio (com’è cambiata l’Italia in una generazione)
    6) 2 Italians (scontro barbone-spocchioso, vince lo spocchioso ma non è così che va il mondo?)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: