Pubblicato da: remo | 23 luglio 2009

aquattromani: 17

LA VOCE

All’apparenza, una cosa decisamente sbilanciata. Era perplesso, ma aveva deciso di continuare, la faccenda avrebbe potuto anche diventare interessante. Lo svolgersi dei fatti, questo deve importare. Chissà lei come l’ha presa, dopotutto avrebbe anche potuto defilarsi, invece è qui che invia mail per tentare l’impresa.
– Caro Giacomo, con ogni probabilità ti stai chiedendo di chi diamine sia questo indirizzo e-mail. Probabilmente ti sarai anche chiesto se fosse conveniente aprirla o se qualche burlone ci avesse infilato dentro un virus (tranquillo, io non so nemmeno cosa sia un virus, a malapena conosco quelli intestinali), poi però (spero…) l’hai aperta e ora la stai leggendo. Mi stai leggendo. Non sai quanto mi emozioni saperlo; e se penso che potresti anche rispondermi…

Questa la prima mail di Veronica e lui si sorprese incuriosito: gli era stata abbinata in una gara di scrittura per un blog, avrebbero dovuto ideare un racconto insieme.
Sapeva che era di Firenze, che scriveva per un giornale locale, niente altro.
Lo chiamò per prima: una voce calda pronunciò il suo nome e lui se ne sentì immediatamente attratto.
-Giacomo?
-Hmm… ehm… sì?- (Ma come “sì?”? Ecco ho già fatto la figura dell’imbecille! Maledizione!)
-Ciao sono Veronica, quella della mail. Ti dispiace se ho chiamato?- (Spero di no…)
-Ah, Veronica! Sì. Cioè “sì”, avevo letto il tuo numero quindi “sì, sapevo che eri tu”, non “sì, mi dispiace che hai chiamato”! Eh eh…” (Ma che diavolo sto facendo? Stai calmo Giacomo, inspira; espira).
Stava farfugliando, la voce lo aveva attraversato come un brivido e lui si stava comportando come uno scolaretto.
Veronica proseguì con una serie di suggerimenti che lui accolse di buon grado.
Non aveva le idee molto chiare, ma forse nemmeno lei.
Riuscì a stento a comunicarle che era anche lui fiorentino, e che abitava a Fiesole.
Poi, dopo altre telefonata e altre mail, avevano deciso di vedersi per sveltire la stesura del racconto.

Il luogo dell’appuntamento era Piazza d’Ognissanti. Giacomo arrivò per primo. C’era vento e l’aria tradiva il carattere novembrino della giornata. Nuvoloni carichi di pioggia continuavano a muoversi inquieti e, insieme a loro, vorticavano pezzi di carta come tanti piccoli uccelli nel cielo di Firenze. Fece qualche giro attorno alla statua dell’Ercole poi optò per sedersi sulle spallette. L’aria gli scombinava i capelli e attraversava gli indumenti e dopo poco cominciò ad avvertire freddo. Era lì già da un quarto d’ora ma di Veronica nessun segno.
Sussultò alla sua voce, mentre lei gli veniva incontro, trafelata, alta e snella nella tuta nera, i capelli biondi al vento. Non si aspettava una donna così, forse sotto i cinquanta, veramente bella. Sensazione di panico: lo avrebbe trovato altrettanto gradevole?(che c’entra con il racconto da portare a termine?) pensò.
Si erano scambiati qualche idea, vicendevolmente incuriositi.
Poi, tra una mail e l’altra, si erano rivisti ancora, sempre al solito posto.
Questa sera il racconto, che si è snodato piacevolmente, volge al suo epilogo.
-Senti, Giacomo, fa freddo, io abito qui vicino, in via Montebello, una buona tazza di tè e ci mettiamo al lavoro, che ne dici?-
La casa era piccola ma accogliente; ogni cosa era al posto giusto, precisa, ordinata. Tutte le fotografie sembravano sistemate quasi a creare un quadro unico della famiglia che, gli era sembrato di capire, Veronica non aveva più. Lo aveva accennato in alcune mail, e ne aveva dedotto che vivesse da sola. Aveva perso il marito e via via tutti i parenti, lei non ne faceva un dramma ma Giacomo più ci pensava più coltivava il suo senso di colpa. Lui, con le sue stupide paure degli esami, paura del giudizio degli altri, paura di prendere l’autobus, guardava Veronica affrontare la solitudine, il dolore e si domandava dove trovasse la forza.
Fu incuriosito dalla foto di un ragazzo biondo somigliantissimo a Veronica.
Mentre assaporava degli ottimi biscotti, si aprì una porta. Il ragazzo della foto venne avanti dirigendo con le mani la sedia a rotelle: – Salve, sono Marcello.
Giacomo si sentì mancare…”quella” voce! La stessa di Veronica: ecco perché gli era vibrata dentro. Era la ”sua” voce , quella voce che lo aveva affascinato fin dal primo momento . Quella che aveva accompagnato le sue notti insonni, il suo amore.
– Io so… sono… Giacomo –
Marcello si accostò, le gambe si profilavano appena sotto un plaid, le braccia invece erano muscolose, e quando gli fu abbastanza vicino gliele tese.
Lui si chinò per farsi abbracciare mentre lo sentiva ripetere: perdonami, prima o poi te l’avrei detto.
Veronica era scomparsa. Giacomo aveva gli occhi lustri, non riusciva a capire se fosse più stupito o più felice.
Nella sua mente turbinavano pensieri, dubbi e domande ma l’abbraccio di Marcello metteva tutto a tacere. Sentiva il suo fiato caldo, le parole che assieme avevano adoperato scivolare tra di loro e riempire lo spazio del loro silenzio. Non solo un abbraccio dunque, piuttosto una promessa.

Annunci

Responses

  1. Non mi piace.

  2. E’ un tantino confusionario! Alla fine mi sono persa! Se il tipo era un lui, quello al telefono, è possibile confondere la sua voce con quella di una donna? E la donna bionda allora chi era? E se sono andati a casa insieme lei poi che fine ha fatto? Se l’è inghiottita l’appartamento? Un racconto non dovrebbe mai lasciare tante domande sospese U__U mi dispiace.

  3. Ma dopo si sono sposati o no?
    Eh, perchè ogni tanto un bel lieto fine cascherebbe a fagiuolo.

    Meno male che c’è ancora chi partecipa ai concorsi di scrittura, vè. Siamo salvi, l’Italia ha ancora dei valori.

    Delicato, dai. Delicato e gentile.

  4. Concorso in pieno con Elys.

  5. sì, è delicato e gentile… ma è come se “un virus” avesse cancellato un pezzo di storia lì nel mezzo.. appoggio Elys.

  6. punto di domanda.
    mi sono persa un pezzo o manca davvero?

  7. non dico niente di mio, faccio una sintesi di quello che è stato già detto: delicato, gentile, attuale, un po’ confusionario

  8. io non ci ho capito granché. se un racconto devo rileggerlo, nella maggiornaza dei casi vuol dire che non mi “suona”

  9. L’idea è interessante, però non mi pare che si accompagni allo sviluppo narrativo.
    La scrittura mi è parsa ingarbugliata, non è fluida.
    Si giunge alla fine, si è compreso il senso, ma non vi è stata una tensione vera. Peccato.

  10. Mesi addietro ho letto “La donna che leggeva troppo”. Ho dovuto rileggere più volte alcuni capitoli o parti di capitoli, per comprendere di chi si narrasse, chi parlasse, di quale periodo si stesse parlando.
    Credo che sia stato l’unico libro per il quale ho avuto la tentazione impellente di mollare la lettura dopo i primi tre capitoli. Me lo sono sorbito tutto (per principio e curiosità), ed è stato un vero calvario. Una bella storia, quella della poetessa persiana, ma rovinata dalla scrittrice. La mia recensione in proposito è stata pessima.

    Questo racconto m’ha ricordato quel libro. L’ho letto tre volte e ancora non l’ho compreso bene. Peccato.

  11. Poteva essere più chiaro, sì.
    Confermo, delicato e possibile.

  12. Mi associo ai commenti precedenti.
    Sgnapis

  13. Anche per me, non lo trovo accattivante, soprattutto perchè il senso del racconto non appare evidente.

  14. Io a dire il vero il senso non l’ho capito.

  15. Concordo. Ma un po’ di delicatezza dopo quest'”Italia dei squallori” non guasta!
    :-)

  16. Delicatezza? Boh. Io l’ho riletto due volte e l’unica cosa che mi salta agli occhi è che non c’è capo e non c’è coda.

    Classifica invariata:
    1) Miracolo italiano (l’Italia del GF e degli incidenti sul lavoro coniugata con originalità)
    2) Davvero. Nel sogno (il titolo ci azzecca poco, ma il racconto è una telecronaca appassionante)
    3) Come corpo morto (l’Italia dei nuovi poveri, con dignità)
    4) Lettera dal mio molino (un racconto credibile e ben scritto)
    5) 2 Italians (scontro barbone-spocchioso, vince lo spocchioso ma non è così che va il mondo?)
    6) solitudiniaffollate.com (racconto sulla solitudine del web con eccesso di neologismi a gogò)

  17. delicato ed invitante l’incipit…la chiusa interessante, direi sorprendente. difetta di climax però
    i racconti brevi sono i miei preferiti preferiti. mi affascina lo sviluppo dei personaggi in così poco “spazio” per ogni storia c’è un’idea dominante che è la trama che nei racconti brevi deve impegnarci prima d’ogni cosa: il plot. gli eventi devono far nascere un conflitto ed ecco il climax, il punto più alto, poi il colpo di scena, la risoluzione. ecco qui secondo il mio parere manca il climax… e poi più notizie sui personaggi che devono apparirci vivi.
    bello il momento dell’incontro:
    “C’era vento e l’aria tradiva il carattere novembrino della giornata. Nuvoloni carichi di pioggia continuavano a muoversi inquieti e, insieme a loro, vorticavano pezzi di carta come tanti piccoli uccelli nel cielo di Firenze. “

  18. è vero.
    quando un brano va riletto due volte c’è qualcosa che non va.
    o nel racconto oppure in noi.
    quando, leggendo, diciamo che l’autore è acuto, significa solo che la nostra “acutezza” è all’altezza dell’autore, ci specchiamo in fondo, sempre.
    ma succede – no? – di rivedere un film o di rileggere una poesia un romanzo e cogliere, la seconda volta, quel che non si colto subito.
    e questo, in particolare, io l’ho imparato facendo teatro.
    cento e più prove prima di recitare la vita è sogno di calderon de la barca.
    a un certo punto, pur conoscendolo a memoria, sentivamo il bisogno di ri-provare, ri-leggere, ri-ascoltare: e ogni volta acquistavamo qualcosa in più.
    oggi invece si va di fretta, io per primo.
    una settimana fa (è cosa che faccio, spesso) ho rivisto una mia agenda del 1988.
    in una settimana aveva letto due libri di artaud e uno di le goff; bene, li ho ancora, sono sottolienati quei libri. Ma io non ricordo una cippa.
    (Letto la lentezza di Kundera?).
    Che poi, attenti: il video del pc o mec porta a leggere in fretta.
    Provata a leggere la stessa cosa, a video oppure stampata.
    E’ diversa, o almeno…

    (grazie francesca e benvenuta)

  19. Manca qualcosa… e la scrittura è troppo faticosa – e i dialoghi: perché aggiungere tutte quelle notazioni? Ci sono mille modi per far capire cosa stanno pensando i personaggi che parlano.
    L’idea iniziale nel suo complesso non è banale, ma raccontata così, purtroppo non sta in piedi. E non saprei da che parte iniziare per fare dell’editing…

    (Se il senso di questi commenti è quello di riportare ciò che i lettori onestamente pensano, credo che nessuno debba sentirsi criticato: sono racconti isolati, che dicono poco dell’autore che ci sta dietro).

  20. boh?
    concordo con elys e con Laura C.: confuso e senza capo nè coda

  21. Ed ecco giunto anche il meta-concorso tra le narrazioni dell’Italia d’oggi.
    Un racconto tenero, delicato, scritto con perizia narrativa anche nelle sue elisioni; ma non mi ha emozionato.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: