una cosa veloce

faccio alcuni nomi:
aitan, gea, arimane, lucia saetta, stefania mola, zena roncada, anfiosso, silvia sgnapis, t, massimo spina, sandra.
(si tratta di persone che conosco, tutte).
chiaro: se sono al corrente che questo o quello sono gli autori di questo o quel racconto non va bene; va bene solo se la valutazione è al buio.
ci sono altri che vogliono fare i giurati?
se sì, scrivere a raccontiaquattromani@gmail.com.
mi verranno in mente altri nomi, e comunque: me ne bastano almeno tre, che votino.
alcuni partecipanti, infatti, mi hanno scritto, preferirebbero non votare.
poi rommento l’anno scorso.
c’era chi diceva, Voto solo i primi tre, chi mi faceva penare.

tra un paio d’ore il prossimo racconto.
son di corsa, ora.
buona serata

Per chi mi legge su facebook: non scrivetemi in privato, per chiedermi cos’è questa iniziativa. ma venite direttamente nel blog.
https://remobassini.wordpress.com
poi, eventualmente, chiedete
grazie

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da remo . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su remo

scrivo. Ultimi libri pubblicati: Lo scommettitore (Fernandel 2006); La donna che parlava con i morti (Newton Compton 2007, fuori catalogo); Bastardo posto (Perdisa Pop 2010); Vicolo del precipizio (Perdisa Pop 2011); Buio assoluto (Historica, 2015); Vegan. Le città di dio (Tlon, 2016); La notte del santo, Time crime

11 thoughts on “una cosa veloce

  1. Siccome non partecipo non so se posso esprimere un parere, dato che vengo qui solo a leggere e ad imparare.
    Ma leggendo i commenti mi pare di poter dire che non si può fare serenamente una graduatoria per tutti i motivi annessi e connessi, già più o meno esplicitamente indicati dallo stesso remo; gli stili sono diversi e la complicazione ulteriore della scrittura a quattro mani non facilita anche chi è pieno di buona volontà e disponibilità reciproca
    e se c’è qualcuno che ha accettato l’abbinamento non per scelta ma per combinazione, è ancor più da ammirare.
    L’argomento è vastissimo ed è per questo che c’è chi non si ritrova facilmente nelle scelte degli autori già pubblicati: ma un conto è fare articoli di cronaca o denuncia politica e sociale e allora sì, si parla di tutto il peggio e il marcio e il disperato di questa nostra italietta, con toni diretti e decisi.
    Se invece la scelta è più letteraria, allora vanno bene anche i toni soffusi, le situazioni minimaliste, quotidiane, senza particolari sensazionalismi: forse le più difficili da scrivere, con elegante, semplice complessità, secondo me.
    In Italia siamo anche questo, per fortuna.

    Mi scuso per l’intrusione e buon lavoro a tutti.

    p.s. forse dico un’ulteriore sciocchezza, e se è così me ne scuso in anticipo, ma proprio non si può pubblicare tutti i racconti in modo da avere un panorama completo del lavoro fatto dai partecipanti?
    Poi chi legge decide di suo, come è giusto, ma intanto si valorizza l’impegno di chi ci ha provato.

  2. Io ho pubblicato una classifica per stare al gioco, sia chiaro. Tutto è soggettivo.

    Oggi scrivo via sms ad un’amica scrittrice: basta storie politicamente corrette, racconta la verità ( in merito ad un romanzo, non a raccontiaquattromani)

    Risposta: m’invento un mondo come dovrebbe essere.

    Allora ci sta tutto: vivisezionare la vita, raccontare balle, immaginare ciò che si vorrebbe e non è, evidenziare ciò che ci piace, cassare quel che non ci va, riscrivere la storia e/o la morale, cercare samarcanda, ricreare utopia, sputare veleno.
    A ciascuno il suo.

  3. Remo ti ringrazio per avermi menzionata, ma io già mi ritengo privilegiata a lasciare il mio parere da profana. Non credo di essere all’altezza di formulare una graduatoria.
    E poi pignola come sono, dovrei rileggerli tutti, due, tre, quattro volte, lasciare passare del tempo, “riscoltarli” come una canzone nuova, per poter formulare un giudizio più ponderato, che quelli che lascio sono sempre “a pelle”. Veri, sia chiaro, che balle non ne racconto, ma forse, ad una rilettura, coglierei aspetti diversi. Anzi ne sono sicura. E tutto questo tempo a disposizione non ce l’ho, per cui farei una cosa fatta male e a me non piacerebbe.

    Vi leggo con piacere e ora dico una volta per tutte, se non si era capito, che nutro molta stima per tutti coloro che si mettono in gioco, alla prova e accettano lo stimolo della sfida a 4 mani.
    Grazie Remo, grazie a voi.
    Sgnapis

  4. Non so, Remo, se sono una persona adatta per “giudicare”. Se non in base ad un criterio: non so nulla di nulla circa gli autori dei testi.
    La volta scorsa ho fatto l’esperienza dell’impaginazione: era stata fissata (nelle regole del gioco) la “posizione” dei primi e degli ultimi tre; a comporre l’e-book non si faceva che tirare per la giacchetta, per le orecchie, per i capelli ecc. tutti gli altri.
    Mi permetto di suggeririti di cambiare metodo. Per come la vedo io, avrebbe più coerenza pubblicare i racconti in ordine alfabetico dei titoli (ora ho esagerato un cicinin). La composizione di un volume di racconti non può che avere una sua logica… intrinseca, diciamo va’, se l’ora presta mi può essere d’attenuante.
    Ai “giurati” si potrebbe chiedere di indicare i loro 3 preferiti, con una breve motivazione. A parte “Il Preferito” (che alla fin fine è naturale che abbiamo in testa tutti), gli altri due non necessariamente sono “il 2°”, “il 3°” nel senso della classifica; si tratta più spesso dell’apprezzamento di un aspetto piuttosto che di un altro.
    Potresti pubblicare queste “note di valutazione” insieme alla “classifica”, ma comporre l’e-book secondo altri criteri.
    Scusa. Ora torno a tacere, augurando a tutti buon lavoro.

  5. Io commento a piene mani, non ho partecipato, e suggerirei un metodo:
    ognuno dei partecipanti (o dei giurati) da un voto da 0 a 10 a TUTTI i racconti. Si sarà così certi di una “classifica” completa. I nomi degli autori saranno svelati ufficialmente solo alla fine.

  6. Meglio che siano esterni a giudicare! Se c’è chi si dice in privato “io ho scritto questo, tu che hai scritto e dai votami” (cosa peraltro tristissima) ne viene da sè che far esprimere un giudizio ai partecipanti diventa un po’ inutile. A questo proposito mi chiedo…se questa “bella pratica” è stata messa in atto allora quanto c’è di vero nei commenti positivi? Inizio a credere che “le storie stroncate” siano quelle degli onesti…

  7. Ommaddonna!
    Le pastette!
    Io sono molto perplesso.
    Non so se voterò.
    Non ho contattato nessuno,
    nessuno mi ha scritto per fare pasticci,
    ero contrario alla formula concorso,
    ma l’ho accettata.
    Ci penso, ci penserò.

    Ci son alcuni discreti lavori, però è molto difficile per quattro mani non affiatate, mettere giù un 5000 battute, buono davvero, su tema fissato.
    Quindi fino ad ora la prova è riuscita abbastanza bene, benché, per me, questa “Italia di oggi” sia in genere vista forse troppo dal lato cronaca, malcostume, corruzione etc.
    Manca la “leva”, quella che tira su, uno sguardo staccato, un esperimento lett., uno spostarsi un po’ più in là…
    Probabilmente per arrivare a questo ci vuole molto affiatamento & allenamento.

  8. io, lo scorso anno, difatti, non votai… e così spero pure stavolta.

    Remo, la parola ai giurati, esterni :-)

    Questa splendida iniziativa sta prendendo una piega inquietante/a tratti allucinante/

    peccato che non si prenda un gioco per quello che è/

    se qualche sfrontato alieno/ma anche un metalmeccanico dell’Ilva/potesse vederci dall’alto/su questo ipotetico piccolo palcoscenico/penso proverebbe (a ragione) pena/per noi/

    l’Italia di oggi/appunto

    ciao a tutti/io/in ogni caso/mi sono divertita

    (grazie Remo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...