tutti chiusi in tante celle

Dal momento che non ho un dio, né una fede, né troppe certezze, tutt’altro, da un certo giorno della mia vita ho trovato nel pensiero della morte il pensiero guida. La più grande fregatura della nostra esistenza è il tempo che va.
Sono cresciuto a pane e olio del mio paese (Cortona) e canzoni di De André, ma, in assoluto, la canzone che preferisco è di Francesco Guccini: La canzone della bambina portoghese.
Ci sono due passaggi, che sento come miei.
Quello sul tempo

Ti accorgerai
che una sera o una stagione
son come lampi
luci accese e dopo spente

quello sulle certezze degli uomini

Tutti chiusi in tante celle
fanno a chi parla più forte
per non dir che stelle e morte
fan paura

Se non avessi vissuto, ogni minuto, sempre, col pensiero del tempo che va sarei qualcosa che non vorrei essere, anche se, certo, la mia vita sarebbe meno incasinata.
Ho un unico grande dispiacere: di aver fatto piangere qualcuno, a volte.
Ho da fare per un paio di giorni, ora. Incombe questa cosa qua.
Ho cose da raccontare, presto. Spero novità: sul mio primo libro-fantasma, Il quaderno delle voci rubate (dove il tempo che va e le certezze urlate ma che poi si sgretolano come argilla ci sono, certo).
E buone cose a tutti

Annunci

7 pensieri su “tutti chiusi in tante celle

  1. e non a caso si parla delle certezze degli uomini, chè quelle delle donne sono differenti

    oh, ma starò mica commentando un po’ troppo?

  2. E poi e poi, gente viene qui e ti dice di sapere già ogni legge delle cose. E tutti, sai, vantano un orgoglio cieco di verità fatte di formule vuote…

  3. Ciao Remo,
    Anch’io non ho un dio, anche perché poco tempo fa mi ha portato via un amico, lui doveva andare via, lo sapevo, ma non così in fretta…Ora riposa nella sua terra, tra i suoi ulivi…
    dory

  4. Incrociamo l’incrociabile.

    Sono contenta per Il quaderno delle voci rubate.

    Guccini è molto bravo ma ad ascoltarlo è come se mi cadesse un magigno sulle spalle. Sarà la erre moscia.

    In bocca al lupo:)

  5. ciao Remo!

    anch’io sono sprovvista di dei, all’Olimpo preferisco l’Oulipo ;-)

    e la penso anch’io come te sul tempo e la morte….

    un abbraccio

    e attendo le nuove

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...