voci rubate al bar

Due giorni fa. Per andare al giornale faccio il percorso breve, sette minuti a passo sostenuto, dieci se vado a rilento, più le tre pause: caffè, sigari e sigarette, pezzo di pizza per il pranzo.
Entro nel bar.
E’ nuovo. Lo ha rilevato una ragazza siciliana, viene da Torino. Si dà un gran da fare, è gentile. Parla con i clienti ma – grande dote – solo quando capisce che sono loro che han bisogno di parlare, altrimenti saluta, e basta.
Mi fa il caffè, lo bevo, do un’occhiata al giornale concorrente (La Stampa) ma non posso fare a meno di sentire quello che la giovane proprietaria sta raccontando a una donna, al banco.
Siamo in quattro, in tutto. Proprietaria, donna che ascolta, io, un ragazzo (forse il ragazzo della proprietaria, lo vedo spesso lì) al tavolo che legge Tuttosport.
Alla donna, la proprietaria sta raccontando di un gatto, Stanotte mi ha morsicato, dice.
Storie di gatti, io del mio preferisco non dire, che fa sempre casini.
Ma mentre pago, e mentre pago la giovane proprietaria prende l’euro, mi dà il resto, batte lo scontrino, ma con gli occhi incollati sulla donna che la sta ascoltando…
Quella donna voleva che io lo tenessi, e io, non lo voglio questo gatto, ma lei sempre ad insistere, poi un giorno la incontro e mi dice che lo ha portato al canile, così io penso, Bella stronza, ma due giorni dopo quando ho visto sul giornale che si era suicidata mi sono pentita e ho fatto di tutto per prenderlo.

PS Quando lavoravo in fabbrica imparai le canzoni di Ivan Della Mea, come O cara moglie.
Ci ricorderemo di lui, insomma, a lungo.

Annunci

6 pensieri su “voci rubate al bar

  1. a me ha fatto impressione la quantità di vecchi e di cani
    è una città di contrasti, anche se sonolenta

    secondo me la solitudine di una città si misura dal numero di cacche di cani che incontri
    e a v. ce ne sono parecchie

  2. Beh ,si misura dalle cacche ma anche dai ragazzi di 9 -10 anni che giocano sotto il sole pieno alle 2 del pomeriggio da soli con il pallone contro il muro..Cara moglie stasera ti prego di a mio figlio che vada a dormire…grazie per il ricordo ancora li’ ,a memoria,Tinti

  3. Nel mio borgo antico dove il tempo si è fermato, c’è il cimitero, quello ‘nuovo’, all’ingresso, incisa con una pazienza infinita andata persa, una data : 1721. In un angolo c’è sotterrato il Cicot, ma non dovrebbe essere lì. Nella terra le buche le faceva il Pidrin, un giorno arriva il Cicot con il fucile a tracolla, prima erano tutti cacciatori, e chiede al Pidrin cosa stava facendo: ‘stò facendo la buca per la Gin che è morta ieri’ – ‘scava anche la mia, più in là’ – ‘ la tua la scaverò un altro giorno che oggi viene buio presto’. Il Cicot è uscito e l’altro ha continuato a scavare, poi ha sentito uno sparo vicinissimo, è uscito e ha visto il cacciatore che si era sparato.

  4. L’ho appena ascoltata. E’ lui il cantautore della lotta.
    Un grande affetto.

    Ogni tanto entro in un bar anch’io, per un caffè, un tramezzino, cose così. Ma io non sento mai le belle cose che senti tu:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...