Pubblicato da: remo | 8 maggio 2009

il ricordo sbiadito delle (belle) canzoni

e chi l’avrebbe immaginato che la stagione dei sedici anni sarebbe rimasta la più bella?
eppure, era solo la stagione della speranza, delle (belle, forse) canzoni, della fretta anche.
ecco la fretta è rimasta.
ed è rimasto il ricordo, sbiadito, di quelle canzoni

Annunci

Responses

  1. ossignur… erano 40 anni che non la sentivo.
    (e non m’aspettavo di ricordarmela parola per parola)
    grazie per il revival :-)

  2. I Gens… diamine, preistoria! Se me li ricordo vuol dire che sono vecchio davvero. Ma i Gens non erano quelli di “In fondo al viale/in quel caffè dove la gente/ non sa più cosa fare/ ho conosciuto te/ in fondo al viale” ?
    A proposito Remo, la canzone che hai inserito è una cover. Se ricordo bene il titolo originale era Without You, forse la cantava uno che si chiamava Harry Nilsson ma non ne sono sicuro. Ciao e grazie per questa incursione adolescenziale

  3. Credo che sia una cover… l’hanno cantata un po’ tutti non ultima Mariah Carey… bellissima.

  4. osantocielo.
    preistoria è dir poco.
    per fortuna io non ero ancora nata, disse lei sapendo di mentire :-)

  5. aspettiamo gregori, che ci illumini.

  6. Tanti ricordi anche per me. La cantavano nella versione inglese alcuni ragazzi più grandi di me che noi bambine del quartiere ascoltavamo adoranti nelle sere d’estate, mentre si esibivano in qualche cortile o cantina messa gentilmente a disposizione dai genitori. Mi sembra di sentire ancora il ritornello, dove “per chi” era “I can’t live… I can’t live without you (che era probabilmente anche il titolo della canzone). Grazie per il bel ricordo, Remo.
    E a presto, Barbara

  7. Accidenti, cosa sei andato a ripescare! Canzone interpretata da un sacco di cantanti famosi, non riesco proprio a ricordarmi chi l’avesse lanciata per primo…però era bella!!!

  8. siii me la ricordo anche io…ma ero piccolina però, mi pare!

  9. “Per chi”, eseguita dai messinesi Gens era effettivamente la cover di “Without you” di Harry Nillson. Questo musicista americano, è conosciuto di più per aver cantato “Everybody’s Talkin'”, colonna sonora di “Un uomo da marciapiede”. Ma la canzone non è sua, bensì del grande e compianto Fred Neil. Già che ci sono correggo un po’ il testo di “In fondo al viale”.

    In fondo al viale/in quel caffè dove VA gente/ CHE non sa cosa fare/ ho conosciuto LEI/ in fondo al viale……”

    Vedi la luce, remo? :-)

  10. Grande, Gregori. Però all’80% ricordavo bene…

  11. sì marco, molto bene

  12. ma Battisti l’abbiamo dimenticato?Un genio, veramente, nel cantare ma soprattutto per le sue bellissime canzoni…straodinarie poesie..
    Lucia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: