Pubblicato da: remo | 2 maggio 2009

la curva

Il dolore alla coscia era forte, tremendo. Pensò: Le pugnalate saranno così.
Poi pensò: Certo che Giulio Cesare…
Poi rise e disse: l’importante è saper ridere sempre…
Ma, prima, un attimo fa, aveva avuto voglia di bestemmiare.
Il dolore alla coscia destra era fortissimo, la testa non poteva che fargli male, era scomodo, era bloccato, era sottosopra.
Il braccio destro non lo sentiva più, e comunque era imprigionato; quello sinistro invece sì, ma gli serviva: così da puntarlo sul tettuccio della macchina, e diminuire, per qualche attimo, premendo forte, la pressione sulla sua povera testa.
A destra e a sinistra, per quel che po’ che poteva vedere, c’era solo il buio.
S’immaginò la scena: la sua auto con le ruote all’aria, in aperta campagna.
Tutta colpa della fretta, tutta colpa di Ilaria.

Sveglia alle 5 del mattino. In fretta all’aereoporto. Telefonata al socio, Arriverò verso le 11, telefonata a un cliente, ci vediamo per pranzo, ma alle 14 e 47 minuti ho il check-in.
Telefonata prima di salire in areo: Mamma mi spiace, lo so che papà ci teneva, però ascolta…
Telefonata dall’aereo, prima del decollo: Ascolta, pure oggi devi farmi delle paranoie? Domenica starò tutto il giorno con voi…
Telefonata, appena dopo l’atterraggio. Stasera sono da te verso le undici, preparami un boccone e poi (sussurrando) ti faccio vedere le stelle.

Sta rivendo(si).
Ora 19, dal suo avvocato. Cosa?, stamattina eri a Roma?
Tra le 19 e 45. e le 19 e 50 (meno di un’ora) dodici telefonate in taxi.
Ore 20, a casa per una doccia e il vestito nuovo.
Ore 21 e 43, di nuovo in taxi. Mi porti a….
Ore 22 e 14, di nuovo a casa. Finalmente può salire in auto, andare da Gianna, suo marito, a casa non c’è.
E’ brava come cuoca, fa dei primi a base di pesce che sono eccezionali, è brava a letto, è fantastica a letto, eccessiva, ti sfianca, ma ne vale la pena.
Ore 22 e 29, sono in anticipo, pensa, poi sbadiglia, poi vede quel boschetto: lui e Ilaria, che ha perso di vista, che ogni tanto si ripromette di cercare, L’unica donna brava a farmi ridere
la prima donna in un bosco, vent’anni fa, impauriti…
chissà cosa c’è in quel bosco, chissà se c’è ancora lo spiazzo in cui…

La curva presa male, ha piovuto, oggi, mentre lui telefonava, correva, stringeva mani, cadeva anche la pioggia su un prato, Chissà cosa ci coltivano?, daranno dei diserbanti, occristo che male la testa, perdo sangue ne sono sicuro, chissà che fine ha fatto Ilaria, cazzo il cellulare squilla, ma dov’è, chi sarà, Gianna andrà a dormire, ma domattina… domenica prendo i ragazzi e vengo qui, giuro, non è male qui, e magari vengo qui anche lunedì, chi cazzo me lo fa fare di andare a Tunisi?, certo Gianna dirà che sbaglio,  ha ragione Gianna, sbaglio, è tutto sbagliato… com’era bello, qui, vent’anni fa con Ilaria, venivamo in bicicletta, lo è ancora, cosa darei per fare due passi…

Annunci

Responses

  1. certe cose bisognerebbe pensarle PRIMA di finire sottosopra, sennò è troppo facile…comunque bello!

  2. Purtroppo certe cose si capiscono solo quando siamo sottosopra…
    Bravo come sempre Remo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: