Archivi del mese: gennaio 2009

dimenticanze

Dimentico spesso il cellulare a casa, il mattino, così poi, mentre vado a lavorare, son costretto a fare retromarcia. Almeno una volta a settimana. Una volta, dopo aver bevuto un aperitivo, faceva un caldo boia, me ne andai senza pagare, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 19 commenti

avere paura non serve a non morire

Il mio cane è bloccato sul tavolo del veterinario. Devo tenergli la testa, devo parlargli mentre lo rasano, perché debbono fargli l’ecografia. Si sente tradito da me, trema. Il suo sguardo cerca qualcosa di lontano. Forse il senso di morte, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 28 commenti

scrivere nella mente

Davanti a me, alcune fotografie. Dalla mia stanza, stasera, vedo un pezzo di luna. Sulla scrivania il disordine è comunque contenuto. Libri, bloc notes zeppi di appunti oppure no, sigari, un vecchio Diabolik. Ha una storia particolare, quel vecchio fumetto. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti

il tempo solo di notte

ci sono giorni in cui la sfiga ti si accanisce contro, s’appiccica quasi. problemi di denti, problemi di auto da far vedere, problemi di cane… (stamattina, mentre sto per uscire, educatamente lo saluto: Ciao Toby. E lui, invece di rispondere, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 20 commenti

scrivere è: di deborah gambetta

E’ notte, non ancora fonda. Invece di scrivere vi propongo il frammento – ma in realtà è l’essenza – di un post. Leggete un po’, parla di scrittura, questo frammento-essenza di Deborah Gambetta. Scrivere è fatica. Scrivere non significa accostare … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 27 commenti

di solo posta elettronica

Son giorni, questi, di sola posta elettronica (ed sms). La scorsa notte: ho acceso il pc che saranno state le 3 di notte, ho risposto ad alcune mail, poi son venuto qui: il tempo di collegarmi e son crollato. Mi … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 7 commenti

ho un’idea molto romantica…

Forse ho un’idea molto romantica degli zingari. Ieri mattina ce n’era una, di zingara, faceva freddo e lei, seduta per terra, a pochi centimetri dalla neve, suonava divinamente una fisarmonica. Aveva però una sciarpa che le proteggeva il viso. Le … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 20 commenti