Pubblicato da: remo | 23 dicembre 2008

natale

Natale 1926, Antonia Pozzi
(dal sito http://www.antoniapozzi.it)


Del tempo ho paura, del tempo che fugge così in fretta. Fugge? No, non fugge, e nemmeno vola: scivola, dilegua, scompare, come la rena che dal pugno chiuso filtra giù attraverso le dita, e non lascia sul palmo che un senso spiacevole di vuoto. Ma, come della rena restano, nelle rughe della pelle, dei granellini sparsi, così anche del tempo che passa resta a noi la traccia

Natale (Fernando Pessoa)

Nasce un Dio. Altri muiono. Non ci è giunta
né ci ha lasciato la verità: muta l’Errore.
Abbiamo ora un’altra Eternità,
e ciò che è passato in fondo era migliore.

Cieca, la Scienza ara gleba vana.
Folle, la Fede vive il sogno del suo culto.
Un nuovo Dio è solo una parola.
Non credere o cercare: tutto è occulto.

Il Natale è il 24 (Piero Ciampi)

È Natale il 24.
Non riesco più a contare,
la vita va così.
Ho una folle tentazione
di fermarmi a una stazione,
senza amici e senza amore.
Mio fratello è all’ospedale,
sono giorni che sta male,
la madre non l’ha più.
Anche Pino è separato,
Elio al gioco si è sparato,
mi stupisco sempre più.
Io vado,
quando sono abbandonato
vado in cerca di una donna,
senza danni.
Sento,
quelle volte che non pago,
che rimane pure amore
per un’ora.
Ma il mattino mi consegna
Francescangelo drogato,
non mi conosce più.
Per vederci un poco chiaro
bevo un litro molto amaro,
sono dentro a un’osteria.
Il Natale è il 24,
Gianna ha un cuore molto strano,
la vita va così.
Ho una folle tentazione
di rifermarmi a una stazione,
senza amici e senza amore.
Il Natale è il 24.

———————————————————-

Di Natale, comunque io, ho un buon ricordo. Profumi,  in particolare. Di cibo buono che, soprattutto se vivi in una famiglia povera, operaia com’era la mia, assaporavi di più, e di carta anche, sapevano che mi piacevano i libri e li annusavo, accarezzandoli, quei libri che i regalavano anche perché un trenino costava troppo, ricordo alcuni titoli, Pellerosse in armi, La ferrovia del pacifico, Passaggio a Nord Ovest, Betty Zane, e mi portavano lontano, e Zanna bianca, e Il richiamo della foresta e poi, anni dopo, diciamo una ventina,  ricordo invece, ricordo nitido era il 1983,  La psicologia dei bambini, che lessi tra la vigilia e il natale (mentre c’era il solito insopportabile, noioso, dopo pranzo in famiglia).
Ecco, da bambino sognavo di diventare adulto e poi da adulto, sebbene avessi meno di trent’anni, imparai, leggendo appunto la Klein, che si resta sempre bambini.
Ma ci si arriva da soli, a questo.
Buona giornata


È Natale il 24.



Annunci

Responses

  1. Auguri, Remo.
    Luigi

  2. Buon Natale Remo :-)

  3. e buon natale

    http://it.youtube.com/watch?v=Ff3aoSyYOVs

  4. C’erano
    rossi tappeti
    srotolati sulle strade,
    fiocchi di neve
    sugli alberi già adorni.
    E ovunque andassi
    due anime
    legate per la mano,
    in un sol respiro.

    Carlo Bramanti (Natale 2002)

  5. Del Natale io ricordo tanti zii e infaticabili zie ai fornelli. Da scartare cose utili più che giochi, ma anche libri. Ricordo quelli che mi erano piaciuti Dumas, Gianna Anguisola, Gian Burrasca ma anche no: Pel di carota, un libro sulla vita di Don Bosco, le fiabe. Così avevo capito che ero fatta di gusti e disgusti e che non sempre c’era il tempo e l’attenzione degli adulti per assecondare i primi.
    Buon Natale a tutti.

    Enrico Gregori: bello, grazie. (Per un attimo ho pensato all’attacco di Casa Cupiello “Te piace ‘o presepe…)

    Ciao Remo!

  6. Buon Natale Remo e Francesca

  7. Finalmente un blog che posso seguire con passione perchè l’autore scrive italiano vero.
    Buon Natale Remo.

  8. Auguri Remo!

  9. Buon Natale e Buon Anno, Remo

  10. Auguri a Remo e a tutti.

  11. Tanti auguri a te e a tutti i tuoi cari!

  12. Auguri a tutti.
    E per quelli che si pensano da lontano un regalino di Manuel Puig:
    ” Poco a poco,lentamente,como surgen de la noche madrugadas..en el colmo de mis ansias,se confunden tu presencia y tus distancias”

  13. Buon Natale, Remo e auguri a tutti quelli che frequentano il tuo blog.

  14. Un abbraccio fraterno

  15. Tanti affettuosi auguri da chi ti legge e medita in silenzio.
    Annarita


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: