non solo corna

Alla giornalista il direttore chiese di scrivere qualcosa di diverso.
Lei disse. Gli investigatori privati.
Lui disse. Gli investigatori privati, embè?
Lei disse. Gli investigatori privati campano e come campano in una piccola città come la nostra?
Lui disse. Fai.
Così lei, prima mossa, cercò sulle pagine gialle. Poi chiese ai carabinieri. Poi contattò tutti gli investigatori privati della città.
Si fecero intervistare tutti.
Parlarono tutti, raccontando.
Uno di loro, per anni, aveva fatto pubblicità allo stadio di calcio. Allo stadio di calcio, tra il primo e il secondo tempo, l’altoparlante diceva:
Voi siete qui, ma sapete dov’è vostra moglie? Investigazioni….
Tutti confermarono: che gli investigatori lavorano soprattutto su questioni di corna.
(La giornalista si ricordò un racconto, di suo zio: Credo che mia moglie si sia rincoglionita, è diventata gelosissima, e io, guarda sbaglierò, ma vedo sempre un tipo che mi segue, ha l’impermiabile e vede che lo guardo apre il giornale e legge. Se tua zia sciupa i soldi con quel coglione…).
Un intervistato però, alla giornalista, disse, Ah no, io lavoro anche e soprattutto per le aziende. Senza precisare, poi, cosa volesse dire quella frase.
Comunque si fece fotografare. Bella espressione, sorridente. Una bella foto su due colonne a pagina dieci, il giorno dopo.
Titolo dell’articolo. Investigatori privati di provincia.
Sotto titolo: Non solo corna… eccetera.

Pomeriggio dello stesso giorno, in una fabbrica della città.
Son giorni che gli operai si interrogano su un tecnico, che gira, fa controlli, prende appunti, non parla con nessuno. E’ un esterno, venuto a fare chissà cosa. Magari un consulente per la sicurezza. E comunque: cazzi della direzione.
Improvvisamente il tipo, tutto concentrato a lavorare, sente una risata. Poi due, poi tre, poi diffusa.

Alza gli occhi, si sente osservato. Da gente che guarda lui e guarda il giornale dove, pagina 10, c’è la foto di un investigatore privato che dice di lavorare anche per le aziende e che gli somiglia tantissimo.
Lo spettacolo è finito, dice un dirigente dell’azienda che prende sottobraccio il tecnico, si fa per dire, e lo allontana dagli schiamazzi (ché in fabbrica quando si schiamazza si schiamazza alla grande).

C’è chi dice che ora lavori solo sull’infedeltà coniugale.
C’è chi dice che non faccia più nemmeno quello.


Annunci

6 pensieri su “non solo corna

  1. Che coglione!
    Il più famoso qui è Ponzi. Par che faccia di tutto, dallo spionaggio industriale alle semplici corna. Però guardando sulle pagine gialle ricordo che rimasi impressionata da quante agenzie ci sono in una città piccola come questa. Ecchè siamo tutti cornuti qui?
    Subdolo cmq quello che allo stadio di calcio insinuava il vermo cane nelle menti dei tifosi. Bastardello non c’è che dire, d’altronde essere bastardi inside fa parte del mestiere.

  2. Non si occupano soltanto di corna. Fanno accertamenti prematrimoniali, ad esempio. Oppure indagano, da parte dei genitori, sul vissuto dei figli, specie se dubitano attività illecite o uso di droga. E’ un lavoro che presenta molti aspetti. Oltre ad indagini di tipo aziendale, patrimoniale, ecc. Quanto alle corna, alcuni vogliono sapere se le hanno o no, ma altri, già separati o divorziati, cercano di scoprire elementi di colpa nell’altro per levargli i figli. Sono piuttosto informata.
    Conoscevo un carabiniere in pensione, che lo faceva. Spesso svolgono questa attività persone che han lavorato nelle forze dell’ordine o nell’esercito.

  3. io sono informatissimo.
    perché dovevo informarmi quando ho scritto Lo scommettitore e La donna che parlava con i morti,
    perché ho avuto la tentazione, fortissima, di farlo, ma non da solo, con un carabiniere, bravissimo investigatore e amico mio, che è andato in pensione a 54 anni.
    e sono informatissimo anche perché nel 1990 (circa) un investigatore privato, che già allora usava cimici e videocamere o qualcosa del genere, tentò di rovinarmi.
    con me non ci riuscì, ma con altri sì.
    e questa cosa qui, magari, prima o poi la racconto.
    perché passai giorni neri neri neri.

  4. …..e i detective privati non potrebbero usare almeno il novanta per cento delle attrezzature tecnologiche che, in realtà, usano. ma siamo in italia. se parcheggi in divieto di sosta ti multano, se metti una videocamera sopra il letto di qualcuno ti dicono “ma la prossima volta non lo faccia più”.
    e quello in effetti non lo farà più. su quel letto, almeno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...