mah

questa nuova vita davanti al pc di sicuro ha costi altissimi.
e illusioni varie.
due tre mail, qualche commento scambiato, magari una chiacchierata usando messenger o skype e si diventa amici.
e pensiamo di conoscere quando invece, nella vita reale, non conosciamo nemmeno chi conosciamo da anni.
a volte da una vita.
comunque.
ho beccato un virus.
avevo un paio di antivirus, di quelli che si scaricano, senza pagare, che mi segnalavano queste presenze.
troian, che sembra una parolaccia.
però il computer, quello di casa, mio, vivacchiava.
venerdì vado al giornale e, mentre vado, vedo una cosa.
vetrina di una tabaccheria. pipe di schiuma bianca in offerta speciale: 70 euro.
dico: ah.
ah.
a luglio, quattordicesima in tasca, ne avevo presa una, senza badare a spese: 200 euro. in un’altra tabaccheria.
bene, vado a lavorare augurando emorroidi prurulente al tabaccaio che me l’aveva venduta a 200, assicurandami che mi aveva fatto uno sconto.
e comunque non era il caso di farne una tragedia, ma di pensare che quello era un segno premonitore, invece, era il caso.
vado al lavoro, dunque, e chiedo consiglio alla regazze che si occupano di informatica, al giornale.
mi consigliano un antivirus a pagamento.
bene dico, lo prendo.
lo prendo: 60 euro.
ci sta.
vado a casa. installo l’antivirus. mi dice che però, prima, devo disinstallare gli antivirus che ho nel pc.
eseguo.
come un coglione. eseguo come un coglione e senza pensare perché, oppalalà, il pc, appena disabilitati gli antivisur e in attesa del nuovo, è preda dei trojan, maledetti.
mi connetto, e cade la connessione.
accendo, e si spegne.
poi vedo cose strane.
messaggi strani, x rosse.
allora faccio il numero verde dei tipi dell’antivirus.
gentili, mi dicono che ho il pc infettato.
ma che forse, forse.
ma mandano per e-mail una ventina di cose da fare.
bene, prendo mezza giornata di ferie e passo così venerdì pomeriggio a installare programmi, inserire codici, tutto questo mentre il pc, ogni tanto, si spegneva, per cui dovevo ricomnicare.
alla fine ce l’ho fatta.
io che sono una chiavica ce l’ho fatta.
dieci ore.
evviva.
poi ho ripensato a quando ho iniziato a scrivere di notte.
anni ottanta.
olivetti, radio accesa, gatta che saliva e scendeva, radio che non si sentiva quando battevo sui tasti, fogli bianchi stropicciati sul tavolo, niente virus, e-mail, amici.
mah.

Ho ricevuto due mail stamattina.
due persone che mi hanno scritto dopo che hano letto del suicidio di Foster Wallace.
Qui un ricordo. 
E poi, avrei voluto segnalarlo ieri ma lo segnalo, oggi, ché va ancora bene.
Questa cosa qui, dal blog di Loredana Lipperini -a ma scritta da Monica Pepe -, è da leggere.
E’ l’italia di oggi. 
E buona domenica
(la mia è davanti al pc, che devo lavorare sul nuovo romanzo; a novembre, invece, esce il mio racconto Tamarri, su carta, per Historica, ma ne parlerò ancora. Insieme a Tamarri ci sarà qualcos’altro, di personale).

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da remo . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su remo

scrivo. Ultimi libri pubblicati: Lo scommettitore (Fernandel 2006); La donna che parlava con i morti (Newton Compton 2007, fuori catalogo); Bastardo posto (Perdisa Pop 2010); Vicolo del precipizio (Perdisa Pop 2011); Buio assoluto (Historica, 2015); Vegan. Le città di dio (Tlon, 2016); La notte del santo, Time crime

21 thoughts on “mah

  1. Pingback: Libru » mah

  2. è umano, tutto quanto.

    tranne i troyan, quelli no.
    quelli sono stronzate inventate ad hoc, che non conosceremo neanche in 20 milioni di anni.
    altro che.

  3. I troyan, mai nome fu più azzeccato, sono infidi, ma più ancora lo sono quelli che li propagano.
    Per ben due volte ho dovuto formattare il disco fisso con relativa perdita di ogni cosa che conteneva, compresa la posta ( e lì avrei pianto davvero).
    Ora ho un disco esterno e salvo tutto lì (non sempre, quando mi ricordo, ma buona parte sì).
    Però sui costi del web sono d’accordo. Costi umani intendo.
    Sull’intrecciare rapporti che sembrano darti chissà cosa, quando alla fine scopri che hanno solo preso. e poi sono spariti.
    Ma siccome ho avuto tante altre cose dal web, e persone vere, continuo a stare qui. Trojan o non trojan :-)
    e poi, testadura sono! mica mollo io. manco i tabaccai lascio. mi tengo pure quelli anche se sono brutta razza :-)

    Comunque, Remo, se hai impiegato solo dieci ore a sistemare il pc, sei un grande.

  4. Antivirus a pagamento, più quelli gratis, di tutto. Eppure,qualche volta, capita lo stesso. Do la colpa ai figli, che usano quei messaggi e si passano cose.
    I costi del web?
    Eh… vero.
    Intrecci e intralci alla vita vera. Anche perchè stai qui solo per dieci minuti e invece è passata un’ora.
    Tante volte benedico lavoro, famiglia, impegni che mi obbligano a chiudere e andarmene da un’altra parte. Reale.
    Tante volte benedico il Web, che mi ha fatto incontrare alcuni. E alcuni mi hanno cambiato la vita.

  5. cuccato anche io il virus, anzi a dire il vero lo ha cuccato mia madre grazie a smanettamenti vari su internet di mio nipote. Diciamo che può succedere ma adesso me tocca formattare tutto :-((
    A te capita con le pipe, a me può capitare con un vestito (più di una volta) comprato a 100 a inizio stagione e saldato a 30 un mese dopo.
    Mi consolo pensando che molto probabilmente non avrei più trovato la mia taglia.

  6. Siamo in tanti. Con i virus e con la mail facile, sms facile, skype facile. Amici? Pochi. Conoscenti, di più. Delusioni tante. Anche dal vivo, però era così. E’ così.
    ciao Remo, bene per Tamarri.
    E.

  7. In tema con il post che segnali sui rom, forse mi posso permettere una “segnalazione” anch’io.
    In queste settimane Antonio Moresco, insieme all’editore-fotografo Giovannetti, girano le librerie Feltrinelli di mezz’Italia, per presentare il libro “Zingari di merda” ma anche per parlare, in luoghi diversi, dei “luoghi comuni” attorno ai rom.
    “Il primo amore” – http://www.ilprimoamore.com/ – riporta periodicamente il programma degli incontri.
    Questo è un invito a tutti i tuoi amici, Remo, che sono sparsi – come o più delle librerie Feltrinelli – per tutta l’Italia :)

  8. Quoto le prime sette righe. Ma ogni tanto si ha bisogno di sognare un po’. A piccole dosi e con circospezione questo mezzo offre anche cose straordinarie.
    Le emorroidi purulente devo ammettere che mi hanno impressionato un tantino, ho smesso di mangiare la pesca.
    Per quanto riguarga le pipe pensa che una volta per fare una sorpresa al mio ex marito, pipaiolo incallito, gli ho pulito le sue 20 pipe con l’olio per i mobili. Adesso sai perchè è ex:)
    I troians sono ovunque, quelli del pc sono i più innocenti a parer mio. Ne conosco in carne ed ossa che non dico cosa meriterebbero.

  9. Il tuo tabaccaio mi sa che è un figlio di trojan, anche se però…quasi quasi, visto che tu hai la quattrodicesima e io no, ti venderei una pipa.

  10. c’era una volta una quattrodicesima
    oppure,
    c’era una volta una quattro-dice-si-ma-no-ma-sì-ma-no-ma-sì

  11. Dopo anni di antivirus, passai al Mac, anche per il mio lavoro e finì questa fobia dell’infezione.
    Mi trovo daccordo sull’amicizia via web….certo un tempo esisteva l’amico di penna, ma era più difficile che si dipingesse per ciò che non era, cosa oggi col web all’ordine del giorno.
    Anche io ho un blog col mio nome…esisto in quanto tale e non pubblico altro che quella ritengo esser la mia verità…dimentico che il web è terra di nessuno letta da tutti.
    Talvolta fumo anche io la pipa….e il toscano, l’originale.
    A culo il tabaccaio.

  12. Tutti a dare addosso ai tabaccai che poi vorrei vedere se facessero una serrata di due mesi che accidenti vi andate a fumare! Ufff stì fumatori mai contenti…

  13. Pur essendo informatico, sono incorso anch’io in simili disavventure, per lo più per colpa delle navigazioni incaute di mio figlio. Però da un bel po’ sto tranquillo, senza alcun rallentamento e anomalia, non tanto per la coppia di antivirus in versione gratuita che ho installato (Antivir e Avast) quanto perché ho sostituito Internet Explorer con Firefox, dotandolo della componente aggiuntiva Noscript (tutta roba gratis).

  14. elio,
    anche io uso firefox (e avevo Avast, solo quello).
    Il virus, nessuno ci crede, l’ho preso scaricando eMule.

  15. non frequento piu’ da ormai 4 anni tabaccai ahimè, ma ne ho profonda nostalgia….
    frequento invece i trojan che son delle gran pippe, che ce ne sono alcuni che prima di distruggerli ti fan venire l’itterizia
    ma son fortunata perchè ormai ho quasi del tutto elminato i pc, viaggio con mac e devo dire che il mondo è piu’ pulito!
    chicca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...