Pubblicato da: remo | 3 agosto 2008

dica duca dica

Stasera (o magari anticipo, dipende se accendo il pc) posto il racconto numero 16, e poi aspetto; s’è detto (ho detto) del termine ultimo, 15 di agosto. Resta. Ma se gli altri mi mandassero un aggiornamento (lo stiamo scrivendo, invieremo presto, invieremo tardi, abbiamo gettato la spugna) mi farebbero, anche, cosa gradita.
Ventiquattr’ore dopo aver postato l’ultimo racconto aprirò una pagina con tutti i racconti firmati e spiegati dai protagonisti. Eppoi si vota. I primi sei vincono un’impaginazione… da primi sei.
E poi si riparte, credo.

A quattro mani, ancora, ma a sorteggo.
A sei mani, ma non a sorteggio, definendo: magari io.
A due mani, copie che si formano da sole, ma stabilendo tre temi guida.
A gruppi più numerosi, quattro o addirittura cinque persone. Scrittura di gruppo usando mail e, se serve, il telefono.

Oppure ci si saluta e arrivederci ragazzi.
(Il blog ha più di 1000 visite al giorno, non vorrei diventar troppo famoso).

Ricapitolando:
– chi deve ancora inviare il racconto mi mand una mail (va bene qualsiasi indirizzo; chi manda il racconto, invece, spedisca a raccontiaquattromani@gmail.com)
– chi ha in mente una prosecuzione (perché no?, magari su un altro blog) mi dica.

Annunci

Responses

  1. […] post here Share and Enjoy: These icons link to social bookmarking sites where readers can share and […]

  2. Sai Remo cosa ti dico? Dei racconti finora scritti, 3 sono i miei preferiti che rileggo tutte le volte che apro il tuo blog, e a sprazzi rileggo pure gli altri che confermano la mia scelta.
    Però tutti insieme, tutti in fila, uno dietro l’altro, anche se uno piace meno dell’altro, o non piace affatto, che è giusto così, fanno del bene.
    Anche a chi li ha scritti hanno fatto bene secondo me.
    Io adoro i racconti.
    Lodevole idea la tua, davvero. Buonanotte:)

  3. Io ho un’amica che vorrebbe partecipare con me, se fosse ancora dell’idea aspetto i tre temi guida! Mi sono divertita a partecipare! ^__^

  4. Remo, dai,
    scriviamo anche racconti da quadrupedi!
    MarioB-)

  5. Tuttavia, a questo punto della Fiera/gioco delle quattromani io ne traggo un bilancio positivo davvero, perché:
    1.Quasi tutti i partecipanti hanno per la prima volta sperimentato il lavoro di scrittura narrativa in coppia (che non è uno scherzetto e mette alla prova, anche, il carattere…)
    2.In linea di massima i racconti sono passabili, o discreti, o belli, senza grandi vette (come ovvio), il che è già un ottimo risultato per un tipo di gioco così
    3.Io ho lavorato bene, abbastanza in fretta, con grande soddisfazione, con una partner bravissima, in tutti i sensi.
    4.Alla fin fine è un esempio davvero nuovo, nella blogsfera, di collaborazione, di confronto non imbecille o pretestuoso o narcisista o di pura rivalità:
    caratteri tipici di tanti forum e blog…

    MarioB.

  6. Mi è sorto un dubbio. I tre temi guida valgono per i racconti scritti in coppia o per il singolo? U___U Con questo caldo i miei neuroni se ne stanno andando tutti a Formentera!

  7. Non ti preoccupare, Remo: almeno 950 eccessi sono miei: ti ho messo tra i segnalibri per non passare dal mio blog.
    Mi piacerà sapere cosa spiegheranno gli autori: una eventualità del genere mi metterebbe i brividi, appartengo alla scuola che non deve spiegare nulla.
    (Hai presente l’uomo Denim?)

  8. Evacarriego, la spiegazione riguarda solo il modus operandi utilizzato dalle 4 mani per arrivare al racconto finito, non certo per spiegare il racconto. Che sarebbe un po’ – son d’accordo con te – come spiegare una barzelletta.

  9. “A quattro mani, ancora, ma a sorteggo.
    A sei mani, ma non a sorteggio, definendo: magari io.
    A due mani, copie che si formano da sole, ma stabilendo tre temi guida.
    A gruppi più numerosi, quattro o addirittura cinque persone. Scrittura di gruppo usando mail e, se serve, il telefono”.

    Io chiedo l’intervento di Amnesty International
    :-)

  10. Grazie allerta, non avevo ben inteso ciò che intendeva il nostro ospite.

  11. Be’ non so se parteciperò ancora, mi son divertita, certo. Senza troppe fatiche a dire il vero, proprio come un gioco che ho svolto in pochi minuti. Ma forse qui si vuol fare sul serio e allora… boh, scrivere a quattro mani non m’interessa affatto e meno ancora a sei o duemila. In genere a settembre metto mano ai romanzi e poi un racconto, per me, deve essere di minimo 15 pagine. Ho trovato snervante scrivere una storia in così poco spazio, limitante insomma. Vedremo, ma cmq in bocca al lupo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: